21.06.2012 | Prodotti Tipici Inserisci una news

Il cedro, il bergamotto ed il kiwi calabrese per tre nuove confetture della tradizione.

Invia un commento

Sorprendere con gusti nuovi, originali e diversi: è questo l'obiettivo primario dei prodotti di nicchia. L'importante è che vengano prodotti sempre nel segno del vero gusto e della bontà!!

 

 

 

Cedro, bergamotto e kiwi della Calabria: un trio di frutti dell'agricoltura regionale che riesce a strabiliare, con sapore, nei suoi vari utilizzi della gastronomia regionale. Vediamo un po'.....

 

Il cedro è essenzialmente un agrume coltivato un po' in tutta la regione, in particolare nel tratto tirrenico della provincia di Cosenza (in particolare nella zona denominata appunto "Riviera dei Cedri") sposandosi alla perfezione con un habitat naturale, caratterizzato da un microclima ideale per via delle temperature miti durante tutto l'anno e senza particolari escursioni termiche. Il cedro, infatti, è una pianta mediterranea che non preferisce i venti freddi provenienti da nord e le temperature rigide. I terreni ideali per una coltivazione ottimale sono quelli di argilla calcarea mista a sabbia e humus, con presenza di azoto e potassio, propri della Calabria. 

Si tratta di un arbusto che arriva sino ai 4 metri di altezza, con fiori profumatissimi dal colore rossastro verso l'esterno e bianchi nell'interno, frutto ovoidale dalla buccia ruvida e spessa

Il suo succo viene utilizzato dall'industria alimentare, per ottenerne bibite analcoliche, frutta candita, liquori, ecc: ma è nell'arte pasticceria che offre il meglio di sé, considerando le peculiarità ed il gusto che regala nelle creme per dolci e nei prodotti tipici della regione.

 

Il bergamotto rappresenta una ulteriore eccellenza della produzione agricola della regione, anch'esso un agrume dal frutto a forma sferica di colore giallastro, con fioritura nei mesi invernali. L'habitat ideale di produzione è il reggino, sotto l'Aspromonte in particolare, a cavallo in pratica tra il Tirreno e lo Ionio.

L' essenza che se ne ottiene garantisce una discreta imprenditorialità agricola della zona: ne e' ben noto in Italia oltre che all'estero, infatti, l'uso nella industria profumiera, visto che i suoi 300 e più componenti chimici e l'olio essenziale "fissano" il bouquet aromatico dei profumi, esaltandone la freschezza e la fragranza; così come riconosciuto è il suo utilizzo nell'industria farmaceutica, per il potere antisettico ed antibatterico del frutto.

Ciononostante non dimentica quella che è la sua "mission"principale: trattandosi di un agrume, viene largamente usato nell'industria alimentare e dolciaria come aromatizzante di liquori, the, caramelle, canditi, ecc.

 

Il kiwi è una pianta da frutto che originariamente nasce in Cina, ma che fu portata in Nuova Zelanda all'inizio del secolo scorso: fu proprio qui che prese questo curioso nome, per via della somiglianza con l'omonimo volatile. Una quarantina di anni fa se ne sperimentò l'impianto in Italia e grazie ad una buona domanda da parte dei consumatori ben presto la produzione nazionale raggiunse dimensioni considerevoli, affrancandosi come il maggior produttore a livello mondiale.

La Calabria, grazie al suo clima caldo-umido ed alle caratteristiche strutturali dei terreni, consente un buon rapporto della pianta con l'ambiente, "elevando" così la regione quale la maggior produttrice nazionale: il kiwi calabrese, infatti, è considerato tra i migliori al mondo per qualità organolettiche, da alcuni ritenuto superiore anche a quello neozelandese.

Oltre a zuccheri semplici, sali minerali e fibre il kiwi contiene la massima quantità di vitamina C (dunque consigliato contro le malattie da raffreddamento), un notevole apporto di vitamina PP, di vitamine del gruppo B e di minerali come il calcio, il fosforo, il magnesio, il sodio, ma soprattutto il potassio con le relative funzioni equilibratrici sul cuore.

 

Se queste sono le caratteristiche intrinseche di questi tre frutti prodotti in regione, anche i suoi derivati ed elaborati non possono essere da meno: come, ad esempio, le relative marmellate e confetture acquistabili su portali di prodotti tipici calabresi.

Le qualità proprie di queste delizie del gusto sono facilmente desumibili dalla relativa etichetta: vengono infatti preparate sempre e comunque nel segno dell'artigianalità, della tradizione e della bontà; lavorando solo frutta coltivata tassativamente nelle campagne calabresi; nessun utilizzo di conservanti ("proprio come si faceva una volta", in pratica) e, soprattutto, un contenuto di frutta da "strabiliare" (80/82%)......praticamente il non-plus-ultra!!

 

 

Aprite un attimo la vostra dispensa e provate ad indagare nelle etichette di quelle che avete in casa: non troverete più del 40/50% di frutta contenuta....siamo disposti ad accettare scommesse!!!

 

 

 

 


Tag: prodotti tipici calabresi, marmellate confetture cedro kiwi bergamotto


Invia un commento:

px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?