11.12.2016 | Prodotti Tipici Inserisci una news

"Spaghetti alla Bolognese, l'altra faccia del tipico"

Invia un commento

Marketing del territorio, lo strano caso degli spaghetti alla bolognese

Il mondo globale di oggi esige che non solo i prodotti e le aziende, ma anche i territori (paesi, città, ecc.) abbiano ciascuno una propria identità, una propria riconoscibilità, un proprio richiamo forte. È quello che nel marketing, da qualche decennio a questa parte, si chiama "posizionamento" (1). Qualche esempio? Il Brasile è automaticamente associato al sole, al mare, al carnevale, al calcio e alla samba; Parigi è immediatamente evocata per i suoi celebri monumenti e per i suoi grandiosi boulevard, per l'eleganza delle sue boutique e per la raffinatezza della sua cucina e dei suoi vini. E così via.

Queste associazioni mentali, apparentemente semplici o addirittura semplicistiche, sono in realtà molto importanti, perché spingono a decidere, ad esempio, la destinazione di un viaggio incentive d'affari o di un periodo di vacanza in base ad alcuni, potenti elementi psicologici evocati. E questi elementi, se ci prendiamo la briga di andarli a vedere da vicino, scopriremo che sono quasi sempre pochi di numero, comuni a una grandissima quantità di persone, fortemente connotati e soprattutto già installati nella mentalità collettiva.

Fermiamoci un attimo su quest'ultimo punto: gli stereotipi forti sono già dentro la nostra mente. Questo è un fatto molto rilevante, come ben sa chiunque (manager, pubblicitario, addetto marketing o stampa, esperto di comunicazione) voglia mettere anche solo un'idea nuova in testa alla gente, e debba quindi lottare strenuamente con i contenuti che già vi albergano. Ed è, soprattutto, un'opportunità, un'opportunità già pronta: perché non trarne beneficio?

Queste premesse ci inducono a esaminare un caso molto particolare, ma non per questo irrilevante, di potenziale marketing del territorio. Quello, cioè, degli spaghetti alla bolognese. Perché nel mondo sono chiamati così? Semplice, anche se non sempre così evidente: non tanto perché siano nati all'ombra delle Due Torri, ma perché sono conditi con quella che all'estero è conosciuta come la "salsa alla bolognese", cioè il ragù di carne. Da sempre, gli spaghetti alla bolognese sono considerati un piatto bizzarro, fasullo, inesistente: o meglio, esistente a tutte le latitudini, confezionato nelle fogge più strane, cotto (o scotto) in ogni modo, condito con le aggiunte più strane al ragù: ketchup, maionese, salsa worcester, fagioli, piselli, acciughe, salmone, uova, patate fritte, polpette, ecc. Ma inesistente, comunque, nel capoluogo emiliano, che ne rifiuta l'appartenenza alla sua gloriosa tradizione della tavola, sulla quale spiccano invece, da tempo immemorabile, le tagliatelle, i tortellini e le lasagne, e non certo gli spaghetti.

Nonostante gli spaghetti alla bolognese non siano accolti nel salotto buono della gastronomia petroniana, hanno però due aspetti che attirano l'attenzione di chiunque si occupi di marketing del territorio. In primo luogo, hanno una diffusione planetaria: nel mondo, dalla Francia all'Iran, dalla Germania all'Ungheria, dalla Finlandia agli Stati Uniti la loro presenza è universalmente segnalata. I motori di ricerca documentano centinaia di migliaia di occorrenze per le voci "spaghetti alla bolognese". "spaghetti bolognese", "spagetti bolognese", "spaghetti bolognaise", "spag bol", e chi più ne ha più ne metta. Che poi questi siano spesso intrugli che un bolognese, o più in generale un italiano, non mangerebbe mai, è un altro discorso. Ma comunque ci sono.

In secondo luogo questi ineffabili spaghetti serviti in ogni parte del globo portano la città di Bologna nel nome. Gli antichi dicevano nomina sunt omina, i nomi sono presagi, cioè sono significativi di persone e cose. Oggi chi si occupa di posizionamento (di aziende, prodotti, paesi, regioni, città, ecc.) sa perfettamente che un capitale conoscitivo inestimabile, compatto, evocativo, di rapida fruizione e di suggestiva emotività è rappresentato da un nome di ampia reputazione e di forte radicamento psicologico. Tutto questo è, nel mondo, la salsa alla bolognese, notissima e indissolubilmente legata ab origine al capoluogo emiliano – agli increduli suggeriamo come sempre un giro su Google. Anche se, nei fatti, i ragù che si incontrano viaggiando hanno poco o niente a che fare con quello preparato sotto le Due Torri ... Ma questo è un altro discorso.

Tirando le fila, e volendo guardare il bicchiere mezzo pieno anziché mezzo vuoto, diremo che gli avventori dei ristoranti di mezzo mondo indicano senza volerlo una leva di marketing territoriale su cui forse non sempre si riflette traendone le dovute conseguenze. Per Bologna e il suo circondario gli spaghetti alla bolognese possono rappresentare il punto di partenza per una rinnovata opera di valorizzazione turistica, anche e soprattutto internazionale: costituiscono infatti un formidabile veicolo potenziale di promozione, dal momento che sono già molto noti a livello mondiale e portano nel loro nome il nome della città.

Si aprono a questo punto scenari di attività molto importanti, che possono essere implementati su tempi medio-lunghi. Quella che un tempo era la corporate strategy oggi può essere sempre più declinata anche in termini di city (o country) strategy (2).

( Fonte Piero Valdiserra )

Testo completo al link :

https://docs.google.com/document/d/1GG2r_cpGM_smTTIxXbZLfefskaKlOqt2atjP13Cwb0k/edit?usp=sharing

 

L'opera fondamentale sul posizionamento è sempre quella di Al Ries, Jack Trout, "Positioning", Milano, McGraw Hill Italia, 1984.

Sul branding di città, regioni, nazioni si vedano Simon Anholt, "L'identità competitiva. Il branding di nazioni, città, regioni", Milano, Egea, 2007; Eugene D. Jaffe, Israel D. Nebenzahl, "Made in...", Milano, Baldini Castoldi Dalai, 2008; Wally Olins, "Brand New. Il futuro del branding nella società che cambia", Torino, Einaudi, 2015.


Tag: Bologna, piero valdiserra, spaghetti alla bolognese


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?