21.07.2011 | Eventi Inserisci una news

Vendita di vino adulterato, 11 arresti tra Sicilia e Campania.

Invia un commento

Utilizzavano glucosio. L'operazione sarebbe durata 3 anni, dal 2005 al 2007. Le indagini sono partite dal sequestro operato nel porto di Palermo

Hanno venduto a prezzi competitivi 285mila ettolitri di vino prodotto non con uve, bensì con altri prodotti completamente estranei alla viticoltura, come il glucosio. Poi lo hanno spacciato come vino pregiato. Sono state eseguite undici ordinanze di custodia cautelare in carcere tra Napoli, Palermo, Catania, Trapani e Caltanissetta, nei confronti dei responsabili. L'associazione attiva dal 2005 al 2007,avrebbe ingannato molti consumatori, con grave danno anche per gli operatori del settore.

Le indagini sono partite dal sequestro avviato nel porto di Palermo di una cisterna piena di glucosio, proveniente da Napoli e destinata ad una società del marsalese. Le perquisizioni, gli accertamenti bancari e finanziari, gli interrogatori e i riscontri documentali hanno permesso di accertare che l'azienda di Mazzarone ha nel tempo prodotto quantitativi di uno pseudo vino che una volta imbottigliato è stato messo in vendita sul mercato sia locale che straniero. L'operazione denominata "Non solo vino" si è conclusa anche con il sequestro per equivalente di beni e denaro fino a concorrenza dei contributi comunitari percepiti.

( Fonte Palermo.Repubblica )

Annotazioni a margine

Dispiace dover dare queste tristi notizie, ma ancora di piu' dispiace non potere conoscere e pubblicare il nome di questi " galantuomini " ( sic ! ) e delle loro aziende, cosi' da fare terra bruciata intorno a loro.

Roberto Gatti


Tag: vino, sicilia, palermo, sofisticazione, nas, glucosio, arresti, guardia di finanza, gip, galera


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?