03.01.2013 | Vino e dintorni Inserisci una news

Toso: depurazione delle acque, impianti potenziati per una maggiore salvaguardia ambientale

Invia un commento

La spiccata sensibilità ambientale che da sempre accompagna lo sviluppo e l’attività di Casa Toso di Cossano Belbo, ha portato l’azienda a programmare nel biennio 2012 e 2013 due successive fasi di potenziamento del proprio impianto di depurazione delle acque

L'impianto di depurazione in attività, realizzato tra il 1993 e il 1994, aveva bisogno di un ulteriore potenziamento da un lato per rispondere agli impegni di un'azienda come la Toso in costante potenziamento produttivo e dall'altra per evitare ogni interferenza negativa sul torrente Belbo il cui equilibrio ambientale è sottoposto a un impatto piuttosto pesante.

La prima fase di ampliamento si è conclusa a fine novembre 2012 e ha portato al potenziamento dell'impianto fino a 100 metri cubi al giorno di acque in lavorazione.

Una seconda fase di incremento operativo porterà l'attuale impianto a lavorare fino a 150 metri cubi di acque reflue al giorno.

Il dato importante e meritevole di attenzione è il fatto che tale potenziamento è avvenuto utilizzando appieno le attuali strutture e senza realizzare ulteriori opere edili, limitando anche questo tipo di impatto ambientale.

Dal punto di vista funzionale, tra le varie soluzioni proposte, è stata preferita la tecnologia di trattamento dei fanghi biologici con i cosiddetti "fanghi dispersi" siglato SBR.

 

Nella seconda fase già in piena programmazione verrà introdotto l'impiego di batteri che crescono su appositi supporti introdotti all'interno delle vasche con l'effetto di ingigantire la superficie di contatto, incrementando così l'efficacia quantitativa dell'intervento (MBBR).

Per completare il ciclo della depurazione il prossimo passo sarà quello di disidratare i fanghi e impiegare i prodotti di questa ulteriore lavorazione per concimare e ammendare i terreni, anche quelli collinari coperti da vigneti.

In tal caso, si arriverebbe al ciclo completo, con i fanghi disidrati che tornerebbero nel vigneto, da dove sono partite le materie prime (le uve) che hanno dato vita all'intero processo produttivo.

 

(Fonte: comunicato stampa)

 

Luciano Pavesio


Tag: Toso, acque, batteri, depurazione, Cossano, Belbo


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?