Azienda agricola e Frantoio Montecroce

Logo azienda
  • Desenzano Del Garda (Brescia)
  • Lombardia
  • Viale Andreis, 84
Foto profilo Come spesso accade anche la nostra storia è strettamente legata al territorio in cui si vive.
Nel 1454 quando la Repubblica di Venezia si insediò stabilmente sul Garda dopo la "pace di Lodi", sorse quello che nei tempi più recenti venne chiamato il porto vecchio di Desenzano, creato con l'unico scopo di permettere ai barconi provenienti dai vari punti del lago di scaricare il carbone(proveniente dai castagneti dell'alto lago e della Val Sabbia), I'olio e i vari prodotti della terra in grandi depositi e granai. (uno di questi è oggi Palazzo Todeschini, dedito alla cultura e alla promozione turistica).Qui arrivavano anche tutte le granaglie della pianura padana che venivano stivate nell'attesa di essere spedite verso Venezia.
Tutte le campagne vicino al lago produssero per secoli grano, olio e vino e le famiglie che ebbero la gran fortuna di avere saltuariamente delle eccedenze che andassero oltre l'autoconsumo le utilizzarono come mezzo di scambio per ciò che qui mancava, e cioè soprattutto sale, necessario per la conservazione dei cibi.Qualche secolo dopo una nuova attività si impose sul lago e venne affiancata con successo a quelle tradizionali: la bachicoltura.Filari di gelsi, affiancati a filari di viti e olivi, caratterizzarono le campagne del basso lago.
E per qualche famiglia l'allevamento dei bachi da seta fù fonte di reddito e di sopravvivenza.La vecchia Filanda di Lonato ( qui a 1 km ) e la filanda in piazza Garibaldi a Desenzano srotolavano migliaia di bozzoli e filavano giornalmente la seta in arrivo.Per molti anni la mia famiglia si dedicò con passione a questa attività ma con il passare del tempo ci si accorse che non era remunerativa come poteva sembrare.
Poco per volta i gelsi scomparvero dalle campagne lasciando di nuovo il posto alle colture tradizionali e molti filatoi vennero distrutti, soprattutto a ridosso della fine della seconda guerra mondiale.
Il nonno Domenico, da buon gardesano, scelse allora di puntare a fare un buon olio oltre che un buon vino... ma l'amore per la vigna dopo tanti anni venne meno.Rimasero solo alcuni filari di viti per la famiglia.Ogni volta che un filare di trebbiano (lugana) o di groppello si seccava, veniva subito rimpiazzato da olivi.Probabilmente il destino della nostra azienda era quello.
...Così 50 anni fa Domenico decise di dedicarsi solo all'olivicoltura e prese la decisione di costruire nel centro della tenuta il frantoio aziendale.
Dopo pochi anni il figlio Egidio, forte degli studi in agraria a Brescia lo affiancò e poco più tardi lo sostituì, sicuro che quella fosse la strada giusta da intraprendere.
px
Vetrina attiva dal 21/05/2012, 3969 pagine viste, 66 click al sito
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?