20.04.2015 | Eventi Inserisci una news

UNA VITICULTURA PER IL FUTURO: ESPERIENZE E PROPOSTE CONCRETE PER UN'ECONOMIA AGRICOLA SOSTENIBILE

Invia un commento

Il 14 maggio 2015 a Vistorta (Pordenone) un incontro organizzato da Aiab Friuli e Azienda Agricola Vistorta fornirà informazioni tecniche e pratiche per una viticoltura responsabile

Giovedì 14 maggio 2015 a partire dalle ore 9.30 l'Azienda Agricola Vistorta di Sacile (PN) ospiterà il convegno Una viticultura per il futuro. L'incontro è organizzato da AIAB-FVG, Associazione Italiana Agricoltura Biologica del Friuli Venezia Giulia e Azienda Agricola Vistorta con l'intento di formare ed informare gli agricoltori sulle tecniche di coltivazione biologica e favorire lo scambio di conoscenze ed esperienze per crescere nell'impegno verso un'agricoltura sostenibile e responsabile.

Il convegno affronterà il tema dell'agricoltura biologica nei vigneti partendo dalle motivazioni che spingono alla conversione, i problemi che si possono incontrare sul cammino e le possibilità di successo. Si parlerà della biodiversità del terreno e degli effetti sulla gestione delle viti e sulla qualità dell'uva e su uno strumento utile per conoscere il proprio terreno: l'analisi della vanga. Il confronto proseguirà allargando l'attenzione all'intera azienda agricola biologica, fino ad arrivare all'idea di territorio biologico.

"Per la prima volta - spiega Brandino Brandolini, titolare dell'azienda agricola Vistorta – abbiamo riunito in un'unica sede i più autorevoli esperti italiani del settore". Gli interventi tecnici saranno infatti di: Enzo Mescalchin della Fondazione Mach di San Michele all'Adige, Anna Benedetti del Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo di Roma, Luca Conte della Scuola Esperienziale Itinerante di Agricoltura Biologica, Giovanni Bigot di Perleuve, Ruggero Mazzilli, della Stazione sperimentale per la Viticoltura Sostenibile e Pierluigi Donna di Agronomi SATA. "Con queste competenze – prosegue Brandolini – affrontare una nuova agricoltura responsabile diventa un percorso più facilmente realizzabile ed economicamente sostenibile".

Oltre agli interventi tecnici ci sarà spazio per lo scambio di esperienze tra produttori. Interverranno: Elisabetta Foradori dell'Azienda Agricola Foradori, Daniele Piccinin Le Carline, Lorenzo Mocchiutti, Vignai da Duline e Brandino Brandolini d'Adda, Azienda Agricola Vistorta.

L'invito è rivolto sia a chi ha già abbracciato l'agricoltura biologica sia a quanti, vignaioli e agricoltori, stanno cercando risposte in questa direzione. La partecipazione è gratuita.

Per informazioni e iscrizioni: [email protected]; telefono 0434 71135.

www.vistorta.it

PROGRAMMA:

9.30 Benvenuto ed introduzione

9.40 La viticoltura biologica: le motivazioni, i fattori di successo ed i problemi ancora da affrontare in un settore in piena espansione. Relatore: Enzo Mescalchin, fondazione E. Mach. San Michele all'Adige

10.05 La biodiversità del terreno e gli effetti sulla gestione del vigneto e la qualità dell'uva. Relatore: Anna Benedetti, CRA-RPS Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo, Roma

10.25 Un utile strumento per conoscere il proprio terreno: l'analisi della vanga. Relatore: Luca Conte, agronomo

10.40 Difendere il proprio vigneto senza la chimica: 15 anni di esperienza in Friuli Venezia Giulia. Relatore: Giovanni Bigot, Perleuve, Cormons

11.00 Pausa caffè

11.20 Dall'azienda biologica al territorio biologico, i biodistretti della Toscana. Relatore: Ruggero Mazzilli, Stazione sperimentale per la Viticoltura Sostenibile, Panzano in Chianti

11.40 Misurare la biodiversità dell'azienda agricola. Un ulteriore strumento di gestione nato dall'esperienza biologica in Franciacorta. Relatore: Pierluigi Donna, Agronomi SATA, Rovato

12.00 Scambio di esperienze e definizione di obiettivi per il futuro tra aziende biologiche, con la partecipazione di Elisabetta Foradori, Az. Agr. Foradori, Daniele Piccinin, Az- Le Carline, Lorenzo Mocchiutti, Az. Vignai de Duline e Brandino Brandolini d'Adda, Az. Vistorta.

12.40 Discussione

13.00 Conclusione

13.30 buffet e brindisi con i prodotti biologici della Vistorta e del territorio.

 

 

 

Azienda Agricola Vistorta

Proprietà della famiglia Brandolini fin dal XVIII secolo. Comprende complessivamente 200 ettari, di cui 35 ettari sono coltivati a vigneto. Di questi, 16 ettari sono coltivati a merlot, suddivisi in 15 piccoli appezzamenti diversi tra loro per età e per clone utilizzati per produrre il Vistorta, considerato uno dei grandi vini rossi italiani.

Oltre al vino l'azienda produce farro, grano, mais, soia ed erba medica. È certificata bio dal 2009.


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?