11.05.2011 | Eventi Inserisci una news

MASTER SULL’OLIO AL CASOLARE DI VINO DI ALVIGNANO (CE)

Invia un commento

SLOW FOOD - MASTER SULL'OLIO IN PROGRAMMA AL CASOLARE DI VINO DAL 20 MAGGIO AL 3 GIUGNO

La primavera si risveglia e al Casolare di Vino di Alvignano la natura diventa protagonista. In particolar modo l'olio, che sarà argomento del master Slow Food, in programma dal 20 maggio al 3 giugno al ristorante di Alvignano (CE), con docente Gaetano Pascale, Presidente Slow Food Campania. L'inziativa è stata organizzata dalla Condotta Slow Food Volturno, in collaborazione con la country house "Il Casolare diVino". "L'olio di oliva, uno dei più tipici prodotti mediterranei, può essere giustamente considerato il principe dei condimenti fin dagli antichi splendori della cucina romana - spiega Raffaele Tralice, patron di Il Casolare di Vino di Alvignano - e dalla conoscenza di questo prodotto vogliamo partire per approfondire la conoscenza della terra e le evoluzioni del prodotto dalla natura ai fornelli". Il Master sull'olio si articola in tre lezioni serali, dalle 19,30 nelle date 20 maggio, 27 maggio e 3 giugno. Si propone di fornire le informazioni e l'addestramento pratico necessari a riconoscere le qualità degli oli d'oliva reperibili sul mercato. Dalla coltivazione delle olive alle tecniche di produzione dell'olio, dalla classificazione merceologica fino alle proprietà nutrizionali e agli utilizzi dell'olio in cucina, questi incontri aiuteranno anche a sviluppare una tecnica di degustazione adeguata per distinguere il buon olio di oliva da quelli di qualità scadente.
In allegato il programma completo e le foto di Il Casolare di Vino di Alvignano.
Per informazioni e iscrizioni rivolgersi a
Casolare diVino, via Regina – Alvignano, tel. 0823 869932
Nicola Sorbo, fiduciario Slow Food Volturno, cell. 333.6728421

*IL CASOLARE DI VINO* - Il Casolare di Vino nasce nel gennaio 2010 in provincia di Caserta, esattamente ad Alvignano (Il Paese discende dall'antica città Cubulteria, che prende il nome da un importante di spicco della Roma Imperiale. I casali si formarono dopo la distruzione di Cubulteria nell' VIII/IX secolo con l'invasione dei Saraceni. Il paese nei secoli fu posseduto da numerose ed importanti famiglie feudatarie. Nella prossimità si trovano numerosi monumenti tra i quali chiese e castelli, oltre alla Reggia di Caserta e San Leucio i quali distano pochi Km).
La struttura nasce da un'idea dei fratelli Bonaventura e Raffaele Tralice, costruttori di Napoli, alla ricerca di un posto in piena campagna da condividere per i momenti di relax in famiglia. Dalla casa di campagna al progetto di creare un centro di accoglienza, con temi centrali enogastronomia e benessere, il passaggio è stato veloce. Al punto di recuperare un antico casolare circondato da 3 ettari di vigneto di pallagrello rosso.
Qui con l'enologo Maurizio Caffarelli e l'agronomo Gaetano Pascale è stata fatta a settembre 2010 la prima vendemmia. Intanto però la struttura è già attrezzata con creme ed essenze a base di vino, con le quali si effettua vino terapia in un'area benessere tra vasche, massaggi e trattamenti simili.
Il Casolare di Vino vanta un'ampia area all'aperto e sale ristorative interne, dove si effettuano eventi e cerimonie. E' attrezzato con 5 camere (nominate come i vitigni autoctoni della Campania: Aglianico, fiano, greco di tufo, falangina e pallagrello). Risulta dunque l'ideale per week end di relax. A completare l'opera una chef donna, Maria Mone, 45 anni originaria di Caserta, 25 anni di esperienza nel mondo della ristorazione, grande conoscitrice dei prodotti del territorio e soprattutto della terra. I piatti della struttura rispecchiano la tradizione, con la riscoperta di antiche ricette come le Cicerchie (legume di Caserta della famiglia dei ceci) con allesse e mozzarella di bufala e la pizza figliata, un dolce natalizio con
ripieno di frutta secca, miele e cioccolato. Non mancano i piatti a base di vino come ad esempio lo stufato di maialino al pallagrello.


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?