02.03.2014 | Vino e dintorni Inserisci una news

Aspettando l'aglianicone

Invia un commento

Aspettando l'aglianicone

Proteso come una penisola tra i golfi di Salerno e Policastro, il Cilento è terra di tanti piccoli paesi ognuno con la sua storia, usi e costumi ereditati dalle differenti dominazioni.

Nel nucleo originario dell'Alto Cilento vi è Prignano, un abbraccio di dolci colline vestite di alberi da frutta, ulivi e viti a preservare le culture autoctone, un territorio generoso che anni si pone a tutela di un vitigno antico a rischio scomparsa "l'Aglianicone".
Un progetto fortemente sostenuto dall'azienda vitivinicola De Concilis che nel 1996 è entrata in punta di piedi nel mondo del vino e da subito ha brillato per la grande dinamicità nella sperimentazione finalizzata alla qualità, conosciuta oggi per i suoi vini che nascono da un'attenzione particolare al territorio e alle uve, vini senza lieviti aggiunti, né solfiti, semplicemente l'espressione del territorio cilentano.

L'Aglianicone è un vitigno autoctono che stava scomparendo, tanto simile, ma altrettanto differente dal lontano parente Aglianico, per non perderlo nel tempo la De Concilis dal 2007, coinvolgendo altre aziende vitivinicole locali, ha abbracciando un progetto che tiene d'occhio il miglior adattamento del vitigno al territorio, i differenti comportamenti da vigneto a vigneto e i risultati delle piccole vinificazioni, puntando a lasciarlo esprimere al meglio per un vino da commercializzare quanto prima.

L'Aglianicone ha grappoli che arrivano a maturazione fenologica più precocemente anche in annate difficili rispetto all'Aglianico, risulta più resistente agli attacchi delle crittogame, per cui un vitigno adatto alla coltivazione biologica.

In cantina le microvinificazioni danno già indicazioni sul carattere del vino, sottolineando una maggiore morbidezza e dolcezza dei tannini rispetto all'Aglianico, unitamente a caratteristiche aromatiche molto interessanti.

Grazie alla caparbietà di uomini e donne gelosi custodi della propria terra e del buono che in essa è radicato, vitigni quasi anonimi che stavano scomparendo, oggi ci donano vini molto interessanti, auguriamo all'Aglianicone di seguire la stessa scia.

Angela Merolla

VITICOLTORI DE CONCILIIS
Prignano Cilento (SA)
www.viticoltorideconciliis.it


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?