26.07.2007 | Prodotti Tipici

Dalla tradizione, la passione per il vino

Ha tutti gli ingredienti di una bella storia che la terra di Sicilia riesce a dare. Amore per la terra, rispetto per il passato, impegno per il futuro e tanta voglia di fare. Quattro giovani viticultori, proprietari di alcuni terreni del Feudo Grifeo di Partanna, hanno scommesso sul recupero dei vitigni autoctoni migliori e sull’impianto di vitigni internazionali. Da questa fatica nasce l’azienda agricola ''Terre del Principe''.

L'Azienda ''Terre del Principe'' è un omaggio ai capostipiti delle famiglie Nastasi e Clemenza che sin dai primi anni del dopoguerra, hanno lavorato la terra, diventando i primi viticultori del territorio. L’azienda ''Terre del Principe'' è situata a pochi chilometri dal Parco Archeologico di Selinunte, nel territorio di Partanna e Castelvetrano, nella provincia di Trapani, a confine con le province di Agrigento e Palermo ed è ben collegata con le grandi arterie autostradali.

Nei terreni (estesi per circa 60 Ha) favorevolmente situati in collina ad un’altitudine di 350/400 metri sul livello del mare e vicini ai fiumi Belice e Modione, si coltivano, con scrupolosa cura vitigni autoctoni quali Nero D’Avola, Catarratto, Grillo nonché vitigni internazionali quali Cabernet, Merlot, Chardonnay e Pinot Grigio. La produzione estremamente selettiva (Kg. 1 di uva per ceppo) ha permesso di produrre nell’anno 2006 circa 25.000 bottiglie tra Cabernet, Nero D’Avola, Merlot e Chardonnay.
 

Poi sono arrivati i primi riconoscimenti... Nel corso della Fiera enogastronomica Colori e Sapori d’Occidente, il Cabernet Sauvignon Igt Terre del Principe 2006 si è aggiudicato la quarta edizione del Premio Lions Club Alcamo quale miglior vino del territorio, fra 34 etichette presenti della Sicilia Occidentale. Un buon inizio per un’azienda giovane, con tanta voglia di crescere, mentre i vini prodotti sono penetrati nei mercati del Nord Italia, della Svizzera e sono stati apprezzati da esperti degustatori, da sommelier ed enologi per i profumi complessi e intensi e per i sapori vellutati e morbidi.

La raccolta delle uve viene fatta di notte, la vinificazione, con raspatura e macerazione tradizionale, è controllata quotidianamente e il vino ottenuto viene affinato in barrique. L’azienda dispone di un baglio recentemente restaurato, immerso nel verde dei vigneti e degli uliveti, a circa 7 chilometri da Selinunte e vicino lo svincolo autostradale dell’A29 Palermo/Mazara del Vallo, nel cuore della provincia più vitata d’Europa, presso il quale ogni anno, nella notte di San Lorenzo si organizzano degustazioni.


--
Per Informazioni:
E-mail: [email protected]

px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?