03.05.2020 | Vino e dintorni Inserisci una news

Paolo Caccese invitato a Borghi d'Europa

Invia un commento

Bel personaggio, Paolo Caccese. Un vignaiolo sfuggito (per fortuna!), alla professione forense, sostenuto da passioni e convinzioni profonde, con un approccio alla vita decisamente 'umile' ( c'รจ sempre qualcosa da imparare!) .

 

 

"Primi anni 50: l'ingegnere Francesco Caccese, mio papà, commissario prefettizio a Villa Russiz "scopre" la viticoltura e nel 1954 acquista 2 ettari e mezzo di vigneti nelle colline di Pradis, Cormòns.

Primi anni 70: il sottoscritto, poco convinto studente in Giurisprudenza fa la stessa scoperta e si dedica sempre più all'azienda e sempre meno allo studio legale che in una magnifica mattina di maggio viene abbandonato senza alcun rimpianto.

Primi anni 90: mia moglie Veronica, per intuito e lungimiranza femminile, mi "costringe" a comprare altri 3 ettari e mezzo con il risultato di produrre oltre ai nostri classici vini, anche il Verduzzo con il quale produciamo un passito: La Veronica, appunto!"

Nel corso dell'intervista, Paolo è un fiume in piena : ti coinvolge, racconta la sua vita, i suoi sforzi

i suoi vini....

Già i suoi vini : li abbiamo degustati in una delle nostre tane del gusto preferire, l'antica trattoria Ferreghini a Dolegna del Collio. Subito ci siamo detti : " questo è un produttore d'eccellenza!".

Friulano, Malvasia,Pinot Bianco,Sauvignon, Riesling,Traminer Aromatico e Ribolla Matta (Brut),fra i bianchi ; Merlot , Merlot Riserva e Cabernet Franc fra i rossi.

"Nelle dolci colline di Pradis che dominano su Cormons ha sede la nostra cantina...

I sentieri della storia del Collio, come quelli di tutta la terra dell'Isonzo, si perdono nella lunga alba del mondo ed ancor prima nel mistero della Creazione. Nacque prediletta questa terra: scendeva scoscesa dalle rocche bianche delle Alpi Giulie popolandosi di colline e di boschi fino a farsi pianura e incontro con il mare. Interrogando i segni dei millenni si dedusse che il clima mite e caldo facevano crescere dalle marne sfaldate e ricolme di umori vitali il fico e la vite e l'ulivo.

Oggi quest'impasto di marne e arenarie frammentate, che il tempo ha arricchito di sali rimescolando e insalivandolo con i passaggi delle stagioni, è ancora quello antico, il grembo migliore che ci sia per le uve da vino."

Naturalmente Borghi d'Europa ha inserito Paolo Caccese nel Percorso Internazionale Eurovinum,il Paesaggio della Vite e del Vino.


Tag: Vini, collio, cormons, caccese


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?