06.03.2006 | Cultura e Tradizioni

Il gusto dell'arte e l'arte del gusto

La mostra "I Pittori del Rinascimento a Sanseverino. Bernardino di Mariotto, Luca Signorelli, Pinturicchio" in programma dal 25 Marzo, è l’occasione per un itinerario nel territorio della provincia di Macerata alla ricerca delle tracce dei pittori del “Rinascimento Vulgato” e dei sapori di una terra affascinate e ricca di sorprese.

Borghi e centri storici, piccole città in cima alle colline dalle quali lo sguardo abbraccia insieme il mare e i monti, campi ben arati, uliveti e vigneti...

Il paesaggio di dolci colline accarezzate dal vento si schiude con dolcezza davanti agli occhi dei viaggiatori e invita a garbate scoperte e saporite conquiste. Nei dintorni di San Severino (MC) troviamo castelli (ben tredici, dovuti anche alla particolare conformazione fisica del territorio), rocche, abbazie (da segnalare quella di Sarnano per esempio), palazzi rinascimentali, ville neoclassiche. L’intera città costituisce nell’insieme un vero gioiello d’arte, a partire dalla magnifica e famosissima piazza ovale sulla quale affacciano palazzi, chiese di grande pregio e uno splendido piccolo teatro.

La mostra rappresenta un evento sia per gli studiosi, sia per il grande pubblico che ha la possibilità di seguire un percorso. oltre la sede espositiva principale che tocca, oltre alla Pinacoteca Tacchi Venturi, numerose chiese eremi, pievi, chiese rurali spesso sconosciute, veri e propri gioielli, che aspettano di essere scoperti a San Severino (dalla Chiesa della Misericordia alla Cattredrale di Sant’Agostino, da San Lorenzo in Doliolo all’Eremo di Santa Maria delle Macchie) e in altri suggestivi centri storici, in cui sono conservate preziose testimonianze d’arte e devozione popolare.

Da Cingoli, nota come “il balcone delle Marche”, a Treia, dove dalla panoramica terrazza, il paesaggio esalta l’armonia del rapporto secolare tra uomo e territorio. Pollenza, Tolentino e San Ginesio (annoverato tra i cinquanta borghi più belli d’Italia) sono importanti cittadine d’arte, veri e propri scrigni di tesori artistici e architettonici, preziose testimonianze della cultura e della religiosità marchigiana. A Castelraimondo si ammira un suggestivo castello, come anche a Gagliole, famosa per il suo eremo istoriato con importanti affreschi. Da vedere anche Serrapetrona e Matelica, che ospita il museo Piersanti.

All’arte e al fascino della storia il weekend abbina spunti alternativi per i turisti che cercano ispirazione: dai piaceri della buona tavola ai percorsi naturalistici nel verde, magari scegliendo di pernottare in una caratteristica residenza di campagna, dalla musica nello Sferisterio di Macerata ai numerosi eventi teatrali.

Da non sottovalutare l’aspetto del turismo enologico: è in questa zona (tra San Severino e Tolentino), infatti, che si produce uno dei migliori vini DOC delle Marche, la Vernaccia di SerraPetrona (l’unico vino delle Marche a fregiarsi, dal 2003, della Docg), famoso vino spumante naturale rosso, prodotto con vitigno autoctono da uve raccolte tardivamente e fatte fermentare più volte, dal colore granato o rubino e dal caratteristico aroma.

La Vernaccia è un vino originale, vivace di corpo, dal bouquet sapido, da bere giovane anche leggermente fresco, da accompagnarsi con dolci rustici nella versione dolce, o con insaccati e formaggi saporiti in quella secca. Senza dimenticare, inoltre, il Verdicchio di Matelica (oggi è considerato uno dei più grandi vini bianchi d’Europa).

A Matelica da non mancare una visita all’ Enoteca Comunale, dove non solo sono raccolte le migliori produzioni tipiche del territorio, ma è possibile fare degustazioni guidate, acquisti o solo fermarsi sulla bella terrazza panoramica per abbinamenti tra vini e prodotti tipici come il particolarissimo ciauscolo, salame da spalmare, o l’ottimo pecorino tradizionale stagionato o, tra i dolci, la sapa, mosto d’uva condensato.

Completa il ventaglio delle possibilità, per un weekend all’insegna della natura e del verde (a poca distanza il Parco Nazionale dei Sibillini con 70.000 ettari di territorio), una fittissima rete di percorsi di trekking, sentieri montani segnalati e passeggiate in bicicletta e a cavallo (maneggi a Sarnano e a Serrapetrona) nell’alta valle del fiume Potenza. Di recente apertura, si segnalano dei nuovi sentieri sul Monte San Vicino, itinerari impreziositi da scorci paesaggistici di rara bellezza.

Numerose le possibilità di fermarsi a dormire all’interno, per esempio, di palazzi storici ristrutturati come eleganti alberghi: è il caso dell’Hotel Palazzo Servanzi Confidati (ala adiacente agli spazi espositivi che ospitano la mostra), dimora patrizia della seconda metà del Seicento, in pieno centro storico di San Severino. Oppure nel piccolo e familiare Albergo Due Torri, ubicato nel suggestivo vecchio borgo medievale nella città alta, a due passi dal recentissimo Museo Archeologico.

Per chi preferisce fermarsi nella splendida campagna marchigiana, non mancano residenze nel verde come la Locanda Salimbeni, appena fuori la città, dove peraltro grande cura è dedicata anche al cibo, oppure bellissimi agriturismi, tra cui alcuni di grande ospitalità come il Giardino degli Ulivi di Castelraimondo, indirizzo prezioso anche per una cucina di raffinata esecuzione, o all’Agriturismo Borgo Lanciano non distante dal bel castello. Merita attenzione anche l’Agriturismo Caravanserraglio di Serrapetrona, con una spettacolare vista sulla Valle del Chienti e cucina esclusiva con prodotti biologici.

Tavole accoglienti e ricchi sapori da Piero, ristorante nel centro di San Severino noto per le raffinate rivisitazioni di piatti del territorio; all’Hostaria dei Borgia, a Borgiano di Serrapetrona, che propone ricette della tradizione rivisitate, salumi prodotti in proprio e specialità di verdure e al Picciolo di Rame di Vestignano: nell’edificio di un antico frantoio, in un piccolo borgo abitato soltanto da sette famiglie, la taverna a conduzione familiare propone ricette maceratesi accanto a fantasiose reinterpretazioni di ricette della cucina medievale.


Per informazioni turistiche: 0733/232218

--
UFFICIO STAMPA:
LR Comunicazione
Laura Ruggieri, Francesco Paolo Del Re
Tel. 06/6631305 – 339/47553
[email protected]

px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?