15.06.2001 | Cultura e Tradizioni

LA FIERA A SANTA CROCE

Ritorna nel week end il Re melone

Si è conclusa con un bilancio ampiamente positivo la terza edizione della Fiera nazionale del melone. Il flusso di visitatori registrato è stato nettamente superiore rispetto ai precedenti allestimenti e alle aspettative; particolare interesse hanno riscosso gli stand espositivi e gastronomico, questa volta strutturati in un unico nucleo centrale nel cuore cittadino. Validi anche gli appuntamenti artistici, ottimamente contestualizzati nel programma. All'inaugurazione hanno partecipato le maggiori personalità della provincia: il neo presidente Maurizio Fontanili, il prefetto Gianni Ietto, l'assessore uscente alle politiche agricole Carlo Orlandini, l'ex assessore regionale Nanni Rossi, i sindaci del circondario, i rappresentanti dei Carabinieri della compagnia di Gonzaga e la Guardia di finanza del comando di Suzzara. In prima fila molti produttori ed esponenti dell'economia locale, assieme ai direttori delle banche. Gli spazi espositivi hanno rappresentato la realtà agronomica e territoriale, con prodotti, metodologie e strategie di vendita: dalle macchine agricole al vino, dal formaggio al settore biologico, senza trascurare l'aspetto culturale di una Sermide creativa e feconda con il suo mensile, le pubblicazioni e le mostre fotografiche. Nelle manifestazioni conclusive è spiccato il tradizionale concorso gastronomico che ha premiato le migliori creazioni culinarie a base di melone. La prestigiosa giuria, composta dall'enologo Benso Bertolasi, dal sindaco Luciano Mantovani, dal produttore Fausto Mantovani, dal presidente della Pro loco Vittorio Vertuani, dal responsabile settore produzioni tipiche della provincia Dino Sternieri e dalla segretaria Carla Marubbi, ha decretato il primo premio al ristorante Franco Rossi di Bologna. Lo chef Lino Rossi ha sbaragliato gli avversari grazie ad un risotto al piccione con melone caramellato all'aceto balsamico. Seconda piazza al ristorante Il Portoncino Rosso di Castelmassa, con la faraona al melone in salsa all'aceto balsamico preparata dallo chef Francesco Grossi. Terzi, a pari merito, il ristorante Le Stagioni di Mirandola, con l'insalatina tiepida di gamberi e melone dello chef Andrea Villani e la gastronomia Angolo dei Sapori di Sermide, che ha presentato riso al sapore di mare con profumo di melone, opera delle chef Elisa Sprocatti e Attilia Castelli. In occasione dell'inaugurazione è stato ricordato Luigi Porta, sindaco che ha determinato la concretizzazione di questa felice idea. S. Croce, culla del melone, festeggerà sabato e domenica, con stand gastronomico ed espositivo e serate in musica, nell'impianto di Villa Cristina, nei pressi della chiesa.

(FONTE)

px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?