16.07.2013 | Eventi Inserisci una news

A Clavesana (CN) nasce “Rock & the Wine”, dove il Dolcetto d’autore incontra la musica d’autore

Invia un commento

L’8 e il 20 luglio Clavesana, il principale produttore di Dogliani docg, ospita i concerti di James Maddock e Dirk Hamilton abbinandoli a degustazioni dimostrative “cieche” e alla carne piemontese

A luglio la cantina Clavesana allestirà, unicamente per amici e ospiti, un doppio appuntamento musicale: i concerti "privati" dei cantautori James Maddock (8 Luglio) e Dirk Hamilton (20 Luglio), eventi nati ad hoc dalla collaborazione tra l'azienda e gli appassionati del Crete Senesi Random Rock Festival, rassegna no profit nata nel 2010 per portare musicisti "veri", in luoghi "veri" a suonare musica "vera".

 

"Il filo che unisce Clavesana e il CSRRF è l'autenticità: autenticità del prodotto e della musica" - afferma la direttrice Anna Bracco - "E la nostra volontà di offrire, anche alla stampa, opportunità di conoscenza "vera" del nostro vino si concretizzerà stavolta nelle speciali sedute di degustazione che, prima o dopo i concerti, abbiamo pensato per gli amici giornalisti: comparative, incrociate e alla cieca, in modo da mettere tutti in condizione di poter degustare con la massima oggettività".


Medesimo lo spirito, diverso però il taglio dei due eventi: più "enogastronomico" quello dell'8 luglio, quando il Dogliani di Clavesana sarà in degustazione con altri Dogliani e incontrerà a tavola uno dei cibi-simbolo degli Usa, l'hamburger (ma un hamburger "docg" di carne tritata piemontese); più "enoica" la seconda, quella del 20 luglio, quando al concerto seguiranno le visite in elicottero ai vigneti di Dolcetto e una degustazione tecnica calibrata su un inedito format, in cui i vini verranno assaggiati come in un "cruciverba".

 

Sarà una vera e propria full immersion di rock & wine: il programma prevede infatti, per chi lo desidera, anche l'incontro con i musicisti, il sound check, la visita al backstage. Più l'emozione di un concerto visto da vicino, per una cerchia ristretta di fortunati invitati.

"Tra questi" – sottolinea il presidente di Clavesana, Giovanni Bracco"ci saranno anche i primi 30 fan che si prenoteranno, scrivendoci a [email protected] o telefonando al numero 0173 790451: abbiamo deciso di ospitarli gratuitamente, offrendo loro la cena e il concerto, per dare il segnale che Clavesana è aperta a tutti e che il nostro vino è un vino di qualità per tutti".

 

Clavesana produce il 12% dell'imbottigliato mondiale totale di vino da Dolcetto, il vitigno storico tipico del territorio della Langa meridionale, pari a 21.500 ettolitri e a 2.900.000 bottiglie. Le uve di Dolcetto e il vino Dogliani docg, oltre a rappresentare il 90% dell'intera produzione aziendale, interessano anche i 9/10 della superficie vitata che Clavesana coltiva attraverso le sue 350 famiglie socie: 440 ettari (pari a 1.000 "giornate" piemontesi) di vigneti di cui 400 destinati al Dogliani docg.

Il Dolcetto è insomma simbolo e core business di Clavesana: la cantina garantisce la permanenza sul territorio di una viticoltura a misura d'uomo con benefici per il mantenimento del paesaggio, la cura del suolo e il consolidamento delle tradizioni. 

 

Informazioni e approfondimenti sul blog di Clavesana: www.inclavesana.it,  www.siamodolcetto.it e social network collegati.

 

 


Tag: dolcetto, usa, concerti, Clavesana, Maddock, Hamilton, Dirk, James


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?