06.11.2011 | Vino e dintorni Inserisci una news

Le degustazioni al 4° Nebbiolo Grapes

Invia un commento

Il nebbiolo è il padre dei grandi vitigni rossi del Piemonte, un vitigno che nasce ai piedi delle Alpi, ovvero “ IL VITIGNO PROPRIO DELLA FALDA DELL’ALPE “.

Cosi' lo aveva definito Giorgio Gallesio botanico fiorentino ( 1772-1839 ) o uva Spanna ed era il titolo della relazione della Prof.ssa Anna Schneider dell' Istituto di Virologia vegetale del CNR di Torino.

Nel 1865 abbiamo la prima citazione del vino " barolo ". Il nebbiolo rosè è una cultivar diversa dal nebbiolo, ottenuta da una o piu' mutazioni genetiche e/o propaggine. Nella zona del sassella in Valtellina viene chiamato localmente " Chiavanneschino ".

Sul Monte Febera sono state ritrovate delle viti selvatiche di antiche origini, una di queste è stata chiamata " caganbraga ", il nebbiolo è un vitigno tra i piu' antichi che si conoscano e da sempre considerato di pregio.

Ancora oggi si studia quali siano le sue origini, ed a tale proposito voglio riportarVi quanto mi/ci ha portato a conoscenza il Sig. Alberto Arlunno, titolare dell'azienda Antichi Vigneti di Cantalupo, molto bene raccontato nel link che sotto Vi riporto, dall'amico Enzo Zappalà :

http://www.acquabuona.it/2011/11/risolto-il-mistero-del-nebbiolo/

La Prof.ssa Silvia Guidoni ci ha illustrato gli effetti dei diversi microclimi sulla maturazione delle uve nebbiolo.

Il nebbiolo è molto sensibile alla variabilità delle condizioni ambientali. Nel 2010 è piovuto molto, nel 2011 è stato nettamente piu' caldo.

I vigneti esposti ad Est sono piu' caldi rispetto ai vigneti esposti ad Ovest, questo è stato provato in una sperimentazione in una azienda agricola piemontese.

Quando la temperatura supera i 30 gr. per il nebbiolo non è piu' un fattore positivo, mentre a sud il peso dei grappoli è inferiore, con acidità superiori, mentre gli antociani sono risultati inferiori.

Il Prof. Novello invece ha sottolineato il fatto che il Nebbiolo è in grado di dare origine a vini che emozionano, un vitigno molto difficile da coltivare e da vinificare, sente molto il territorio, questo stimola l'interesse dei produttori. Ben vengano le biodiversità nei sistemi di allevamento, ma non bisogna perdere gli antichi e tradizionali metodi usati nel passato.

Il Prof. Mannini ci ha comunicato che nel 1990 gli innesti di uve nebbiolo sono stati circa 2.000.000, mentre nel 2011/2012 la produzione di barbatelle si è dimezzata passando a circa 1.000.000 ; oggi si conoscono circa 35 cloni di nebbiolo, tra i queli i piu' rappresentativi sono : Lampia, Picotener,Michet, Rosè, Cobianco, Chiavennasca, Unimi Vitis ;

Il Prof. Enzo Cagnasso, ci ha parlato di quanto sia importante la maturità fenolica ed il potenziale antocianico in queste uve ; il nebbiolo è un'uva ricca di antociani facilmente ossidabili ( questo spiega il colore aranciato anche dopo pochi anni (n.d.r. ) ) . Oggi viene adottata una nuova tecnica in spettometria che è definita : texture analysis.

La durezza della buccia condiziona la quantità degli antociani che aumentano, ma a maturazione piu' lenta.

IL SESQUITERPENE ROTUNDONE

Il Prof. Fulvio Mattivi dell' Istituto Fondazione Edmund Mach ci ha spiegato come questa sostanza sia all'origine della nota speziata nei vini piemontesi del gruppo dei nebbiolo.

Una sostanza che è stata individuata principalmente nei seguenti vitigni a bacca rossa :

SCHIOPETTINO DI PREPOTTO ; VESPOLINA, VELTLINER.

Quando il vino contiene la nota speziata del pepe ( vedi uno dei miei vitigni del cuore lo Syrah ) , è la stessa sostanza ovvero IL ROTUNDONE che conferisce lo stesso odore al pepe.

Nella Vespolina è molto elevato questo composto speziato, che si manifesta maggiormente nelle zone fredde, si accumula solo nell'esocarpo ( buccia ) , e dura nei vini anche dopo 20 e piu' anni. E' un importante e nuovo argomento per la comunicazione, promozione e divulgazione del vino.

 

LE DEGUSTAZIONI

Devo fare una doverosa premessa : le degustazioni sono riportate in ordine alfabetico, cosi' come stampato nel carnet Tasting Notes che ci è stato consegnato, sono state tutte effettuate a bottiglia " scoperta " direttamente ai banchi dei produttori, non essendoci stata offerta altra opportunità, che molto volentieri avrei scelto ( degustazione a bottiglia coperta ).

Non conoscendo alcuno di questi vini e di questi produttori, se non per avere letto a volte i nomi delle aziende in internet, non ho avuto particolari imbarazzi di amicizie e/o conoscenze.

Buona lettura

 

1)AZIENDA CANTALUPO- GHEMME-

[email protected]

VINO GHEMME COLLIS BRECLEMAE 2004

Colore aranciato; naso speziato; in bocca è una piuma, tannini morbidi, giustamente caldo, lungo.

Da classificare Ottimo ( 88/100 )

2 ) ANTONIOTTI ODILIO – SOSTEGNO ( BI )

[email protected]

VINO BRAMATERRA 2007

Composto per il 70% nebbiolo 20% croatina 7% vespolina 3% uva rara ( bonarda novarese ), le uve coltivate su terreno di porfido a 400/450 mt., con produzioni molto basse di circa 50 q.li di uva/ha :

naso intenso ed elegante ; in bocca è armonico, tannini fini, buono e lungo. Da classificare ottimo ( 87/88 )

3 ) AZIENDA AGRICOLA ANTONIOLO- GATTINARA-

[email protected]

VINO GATTINARA OSSO SAN GRATO 2006

Da uve nebbiolo 100% : colore granato ; al naso è intenso, molto fine, tipico con sentori di " viola " ; in bocca è pimpante, tannini in integrazione, buona acidità, lungo. In questa fase è migliore al naso rispetto alla gustativa. Da CLASSIFICARE ottimo ( 88 /100 ) ;

4 ) AZIENDA AGRICOLA BRIGATTI FRANCESCO- SUNO ( No )

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO VIGNA MOTZIFLON 2007

Da uve 85% nebbiolo 10% vespolina 5% uva rara, affinato per 20 mesi in botte grande : rosso rubino; naso intenso ed elegante tipico del nebbiolo : viola ; in bocca ha tannini ancora in evidenza , è giovane, lungo. Buone potenzialità di invecchiamento. Ora da classificare ottimo ( 87/100 ) in divenire Eccellente ( 90/100 ) ;

5 ) AZIENDA AGRICOLA MADONNA DELL'UVA-BORGOMANERO-

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO 2009

Da uve 100% nebbiolo a 350 mt. Di altezza ; questo vino è la dimostrazione come il nebbiolo sia particolarmente sensibile al territorio : naso intenso e particolare, fuori dagli schemi tradizionali, buona nota fruttata/floreale ; in bocca è giovane ma godibile, particolare. Da classificare molto buono ( 86/87 );

AZIENDA AGRICOLA REDA MARIA- VIGLIANO BIELLESE.

[email protected]

VINO COSTE DELLA SESIA CASTELLO DI MONTE CAVALLO 2007

Da uve nebbiolo 100, affinato in legni misti di 2° passaggio: rubino chiaro; naso intenso di bella espressione, floreale ; in bocca ha tannini bene integrati, buona acidità, note di liquirizia nel finale, buona Pai. Da classificare molto buono ( 87/100 ) ;

7 ) AZIENDA AGR. TIZIANO MAZZONI-CAVAGLIO D'AGOGNA ( NO )

[email protected]

VINO GHEMME AI LIOVELLI 2007

Da uve 100% di nebbiolo : rubino scarico; naso speziato; in bocca è tannico, giovane, necessita di affinamento in bottiglia. Ora da classificare buono ( 84/100 ) in divenire molto buono ( 88/100 );

8 ) AZIENDA AGRICOLA LA TORRETTA- GHEMME-

[email protected]

Da uve 100% nebbiolo, viene affinato 36 mesi in botte grande 9 mesi di bottiglia : colore granato; naso di buona espressione ; in bocca ha una buona beva, giovane, lunga la Pai. Da classificare ora buono ( 86/100 ) in divenire ottimo ( 88/100 ) ;

9 ) AZIENDA VITIVINICOLA CLERICO MASSIMO-LESSONA-

[email protected]

VINO LESSONA 2006 affinato in legni di piccola capacità ( barriques ) di 2° e 3° passaggio :

colore granato; naso intenso e fruttato; bocca fruttata e godibile. Da classificare molto buono ( 86/87 );

10 ) AZIENDA VITIVINICOLA ENRICO CROLA-OLEGGIO-

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO GIULIA 2009

Bella la veste di questa bottiglia, questo è il primo anno di imbottigliamento di questa giovane azienda :

rosso rubino; naso intenso ed elegante ; in bocca ha tannini in integrazione, buona la Pai finale.

Da classificare molto buono ( 86/100 ) ;

11 ) AZIENDA VITIVINICOLA NERVI-GATTINARA-

[email protected]

VINO GATTINARA MOLSINO 2004- Questo vino esce dopo 6 anni dalla vendemmia : colore rubino chiaro ; naso elegante, tipico di " viola " del nebbiolo; in bocca è intenso, tannini integrati, lungo e pieno. Da classificare ottimo ( 87/88 );

VINO VALFERANA Gattinara 2004

Naso elegante ed intenso; bocca armonica, buona apslla acida, tanni presenti ma integrati, lungo.

Da classificare molto buono ( 87/100 ) ;

12 ) AZIEND VITIVINICOLA PARIDE IARETTI-GATTINARA-

[email protected]

VINO GATTINARA PIETRO 2007 Rubino chiaro, con riflessi leggermente aranciati; naso intenso ed elegante ; in bocca è armonico, morbido con una bella beva, lungo. Da classificare ottimo ( 88/100 ) ;

13 ) VINO GATTINARA RISERVA 2004

Affinato 36/40 mesi in botte grande : naso intenso con profumi complessi ; in bocca ha tannini in fase di assorbimento. Da classificare buono/molto buiono ( 86/100 ) ;

14 ) BARBAGLIA SERGIO-CAVALLIRIO ( NO )

[email protected]

VINO BOCA 2007 70% Nebbiolo 30 % vespolina : rosso rubino; naso di GRANDE impatto olfattivo; in bocca è fruttato, godibile e lungo. Da classificare Eccellente ( 89/90) ;

15 ) CA' DE SANTI- GHEMME-

[email protected]

VINO GHEMME BARAGGIOLO 2005 Ottenuto da uve al 90% nebbiolo 10% vespolina : colore rubino scarico ;naso elegante e pulito ; in bocca è fresco, tannini integrati, bella beva, lungo. Da classificare ottimo ( 88/100 );

VINO GHEMME RISERVA 2003 100% nebbiolo : colore granato di media intensità; bocca piena con tannini integrati, lungo. Da classificare molto buono ( 87/100 ) ;

16 ) CA' NOVA- BOGOGNO ( NO )

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO VIGNA SAN QUIRICO 2005 : bel rubino; naso intenso e pulito ; in bocca ha una buona spalla acida tannini integrati, lungo. Da classificare molto buono/ottimo ( 87/100 ) ;

17 ) CANTINE DEL CASTELLO CONTI- MAGGIORA ( NO )

[email protected]

VINO BOCA IL ROSSO DELLE DONNE- Ottenuto dal 75% di uve nebbiolo vespolina uva rara : in bocca è leggermente tannico, con una buona beva. Da classificare buono ( 86/100 ) ;

VINO BOCA 1989

Profumi terziari, complesso, note di noce, mandorle ; in bocca tannini integrati, ancora godibile, molto buono. Da classificare molto buono ( 88/100 ) ;

18 ) AZIENDA VINICOLA GARRONE- DOMODOSSOLA-

[email protected]

Unica azienda vinicola di Domodossola vinifica un colone di Nebbiolo particolare, chiamato Prunent, su piante non innestate e su piede franco di circa 100 anni d'età .

VINO PRUNENT 2008

naso intenso e, particolare ed originale ; tannini in integrazione, acidità alta. DA provare

VINO CA' D'MATE' 2008

Bel rubino; naso intenso, bocca intensa, minerale, pieno e lungo . Da classificare molto buono ( 87/100 );

19 ) CASA VINICOLA PARIDE CHIOVINI- SIZZANO-

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO PRIAMO 2009

Da uve 100% nebbiolo affinato per 9 mesi in barrique : colore granato scarico, con riflessi aranciati; naso di bella espressione tipica del nebbiolo ( viola ) ; tannini bene integrati. Da classificare buono/molto buono ( 86/87 )

VINO SIZZANO 2007

Ottenuto al 90% con uve Nebbiolo 10% vespolina ; bel rubino; naso intenso, fruttato; in bocca è godibile, fruttato con una bella beva. Da classificare ottimo ( 88/100 ) ;

20 ) AZIENDA CASCINA ZOINA-OLEGGIO ( NO )

[email protected]

VINO GHEMME OLEGIUM 2005- Ottenuto al 95% con uve nebbiolo 5% uva rara : affinato in botte grande; naso intenso e di qualità; in bocca ha una buona acidità, tannini in integrazione. In questa fase migliore al naso rispetto alla bocca. Da classificare buono ( 86/100 ) ;

21 ) CENTOVIGNE- COSSATO ( BI )

[email protected]

VINO COSTE DEL SESIA NEBBIOLO 2008 : Uve 100% nebbiolo, con frequenti batonage in barrique di 2° passaggio; , al profumo è intenso, pulito ; bocca fresca, interessante, tannini integrati, lungo. Da classificare Ottimo/Eccellente ( 90/100 ) ;

VINO COSTE DELLA SESIA IL CENTOVIGNE 2008

Ottenuto al 60% di uve nebbiolo 20% uva rara 20% croatina, solo il 20% viene affinato in barrique :

rubino intenso; naso intenso e fruttato; in bocca ha una buona acidità e sapidità, buon frutto. Da classificare buono/molto buono ( 86/87 ) ;

22 ) FERRANDO AZIENDA VITIVINICOLA- IVREA-

[email protected]

VINO CAREMA ETICHETTA BIANCA 2007- Ottenuto dal 75% di Nebbiolo uva rara ; colore rubino scarico; naso speziato ; in bocca è caldo, tannini integrati, acido, lungo. Da classificare buono ( 86/100 ) ;

VINO CAREMA ETICHETTA NERA 2007

Affinato in barrique, colore scarico, naso MOLTO elegante ; bocca piacevole, caldo, lungo, ritorni di liquirizia.

Da classificare Ottimo ( 88 /100 ) ;

23 ) IL CHIOSSO – GATTINARA –

[email protected]

VINO GHEMME 2005 – da uve nebbiolo al 90% 10% vespolina: bel rubino; naso di media qualità ; in bocca è ancora tannico, in integrazione, buona beva, note di liquirizia. Da classificare buono ( 85/86 ) ;

24 ) IL ROCCOLO DI MEZZO MERICO – MEZZOMERICO ( NO )

[email protected]

VINO COLLINE NOVARESI NEBBIOLO VALENTINA V.T. 2006

Vino ottenuto da uve di nebbiolo lasciate appassire in pianta, da vendemmi a tardiva : rubino intenso¸naso maturo e fruttato, complesso ; in bocca è secco, caldo, complesso e lungo. Un prodotto interessante che ci ricorda da vicino i migliori " Sfurzat " della Valtellina. Da classificare Eccellente ( 90/100 ) ;

25 ) LA MASERA- SETTIMO ROTTARO ( TO )

[email protected]

VINO CANAVESE NEBBIOLO 2009

Da uve 100% nebbiolo allevate su terreno morenico, affinato 18 mesi in tonnaux : rubino chiaro ; naso di bella espressione, fine e floreale; in bocca ha tannini integrati, buona acidità. Da classificare ora molto buono ( 87/100 ) in divenire Ottimo ( 89/100 ) ;

26 ) PODERE AI VALLONI ( BOCA )

[email protected]

VINO BOCA VIGNA CRISTIANA Ottenuto dal 70% nebbiolo 20 % vespolina 10% uva rara :

annata 2005 ancora giovane ( 86/87 buono ) ;

annata 2004 : rubino, buon naso; in bocca è pieno; buona Pai ( ottimo 88/100 ) ;

annata 2001 : bel rubino; naso di bella espressione : spezie e fiori ; in bocca è ancora pimpante, con tannini ed acidità presenti . Ancora " giovane " dopo 10 anni dalla vendemmia, da classificare ora ottimo ( 88/100 ) , in divenire Eccellente ( 90/100 ) ;

27 ) TORRACCIA DEL PIANTAVIGNA-GHEMME-

[email protected]

VINO GHEMME 2000- Ottenuto dal 90% di uve nebbiolo 10% vespolina : naso complesso di GRANDE qualità ; inbocca ha tannini " domati ", acidità ancora in evidenza, lungo. Da classificare Eccellente ( 90/100 ). Domanda : ma quanti annji durerà ancora questo vino se ben conservato ? Credo almeno altri 20 !!

28 )TRAVAGLINI GIANCARLO- GATTINARA ( VC )

[email protected]

VINO GATTINARA TRE VIGNE 2005

Questi vini vengono prodotti solo nelle migliori annate da uve nebbiolo 100%, provenienti da 3 vitigni storici dell'azienda : bel rubino ; naso intenso ed elegante ; in bocca è pieno, con tannini in integrazione, lungo. Da classificare Ottimo ( 88/100 ) ;

VINO GATTINARA RISERVA 2005

Rubino chiaro ; GRANDE NASO , da stare minuti ad " odorarlo " , tra ai migliori di questa kermesse ;in bocca è armonico, liquirizia, tannini " addomesticati ". Grande vino, da classificare ECCELLENTE ( 92/100 ).

VINI STRANIERI OTTENUTI DA NEBBIOLO

Per motivi di tempo e di " sopravvivenza etilica " non ho potuto degustare tutti i nebbioli stranieri, cosi' come tanti italiani. Ma ho voluto fare alcuni assaggi di vini provenienti da zone molto distanti da noi, per valutare l'impatto del nebbiolo su terreni completamente diverse dall'alto Piemonte e/o Valtellina. Devo sottolineare un aspetto fondamentale che è emerso durante questi assaggi : se non avessi conosciuto l'origine del vitigno alcuni di questi vini sono risultati ottimi/eccellenti, ma se facciamo una comparazione con la nostra memoria storica del nebbiolo, allora sembra proprio di avere assaggiato altre tipologie di vino. Mi sono chiesto ed ho chiesto ad alcuni produttori provenienti dal Messico o dagli Usa ecc. il motivo di questa scelta, cioè di impiantare nebbiolo in zone cosi' distanti dal' Italia, nella maggior parte dei casi trattasi di emigranti italiani, i cui nonni si sono trasferiti in terre straniere tanti anni fa. Un modo per non perdere e staccarsi completamente dalle antiche radici di origine, anche questo appartiene all'universo della viticoltura.

AZIENDA THREE HILLS-HAPPS ( AUSTRALIA )

[email protected]apps.com.au

Vino Nebbiolo 2009

Grande naso mentolato, eucalipto davvero curioso ed interessante ; in bocca ha una bella beva, con tannini fini, molto buono, da classificare Eccellente ( 90/100 ) ;

BOTTEGA FAMILY WINES CC- SOUTH AFRICA

[email protected]

Vino Stellenbosch South Africa Idiom Nebbiolo 2007

Bel colore tra il porpora ed il rubino ; naso maturo, in leggero appassimento ; in bocca è piacevole, con tannini morbidi. Da classificare molto buono ( 87/88 ) ;

LA JOYA - MAGONI AGRICOLA - MEXICO-

[email protected]

Vino Nebbiolo 2007

Buoni ed interessanti i profumi; note dolciastre, tannini setosi.

da classificare buono ( 85/86 )

Vino Nebbiolo 2004

Ottenuto dal 92% di uve nebbiolo 8% di uva bonarda

Naso evoluto da uve appassite in pianta ; secco, armonico e caldo in bocca, lunga la Pai. Le uve vengono coltivate in zone molto aride per cui spesso viene adottata l'irrigazione di soccorso, in quanto i venti del deserto essicherebbero in pochi giorni tutte le uve.

Da classificare Ottimo/ Eccellente ( 90/100 )

 

CONCLUSIONI FINALI


Non lo scopriamo certo oggi, ma questi assaggi me ne hanno dato una conferma ulteriore : i vini a base nebbiolo sono vini generalmente sostenuti da alte acidità, da tannini inizialmente " graffianti ", e per questo necessitano di lunghi affinamenti in botte di legno prima, ed in bottiglia dopo. Personalmente consiglio di acquistare vini già godibili oggi e di consumarli entro pochi anni, mentre per quelli che oggi non sono pronti e maturi di avere la pazienza di lunghe attese, praticamente dimenticarli in cantina.

Il mio vino ideale : quello già buono e godibile oggi, con tannini presenti ma non troppo aggressivi, capace di migliorare e conservasi per i prossimi 20 anni. Chi saprà leggere tra le righe di cui sopra ne potrà trovare piu' di uno , per la sua e la nostra gioia sensoriale.

Una grande uva, un grande vitigno, che per molti aspetti quali:

colore scarico ; grande eleganza all'olfattiva, difficoltà da coltivare in vigna ed altrettanto difficile da vinificare;

mi ricorda da vicino gli altrettanto nobili vitigni Pinot Nero ed il Nerello Mascalese dell' Etna.

Non ho elementi scientifici per potere attestare questo, ma solamente una esperienza di " lungo sorso " in materia : vuoi vedere che poi alla fine questi vitigni hanno lontane parentele genetiche ? Chi lo può escludere a priori ? Io certamente no !

Buone degustazioni a tutti con i magnifici Nebbioli del Piemonte.

Roberto Gatti


Tag: convegno, Piemonte, winetaste, gatti, nebbiolo, Stresa, Zappalà


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?