10.05.2012 | Eventi Inserisci una news

I vincitori del 1° Concorso Enologico Nazionale dei Vini Rosati d'Italia

Invia un commento

La proclamazione dei vincitori e una dichiarazione d’intenti per la costituzione della Fondazione dei vini rosati sanciscono ufficialmente la conclusione del 1° Concorso enologico nazionale dei vini Rosati d’Italia.

Un bilancio estremamente positivo per questa prima edizione di un concorso unico nel suo genere che ha saputo catturare l'attenzione dei produttori italiani, senza distinzione da Nord a Sud.

A suggellare questa nuova vita, questa rinascita dei vini rosati, un parterre di eccezione, riunito per l'occasione nella suggestiva location del castello Aragonese di Otranto, per dare vita ad un convegno interamente dedicato alla particolare tipologia enoica. Esponenti di spicco del mondo accademico, tecnico-scientifico ed istituzionale, raccolti intorno ad un tavolo per fissare i punti salienti di un percorso condiviso, che ha avuto (ed ha) come unico obiettivo la valorizzazione e la salvaguardia del vino rosato.

Prima dell'apertura dei lavori l'inaugurazione della mostra "Rosati d'Italia", esposizione di tutte le etichette partecipanti al concorso, con il taglio del nastro da parte del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania, e dell'assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia Dario Stefàno, alla presenza del Presidente della commissione agricoltura del Parlamento europeo, Paolo de Castro, e dell'assessore alle Politiche giovanili della Regione Puglia, Nicola Fratoianni.

Nutrita e di altissimo spessore anche la schiera dei relatori al dibattito "I Rosati e il loro consumo" moderato da Fede e Tinto, conduttori di "Decanter" di Rai Radio 2: Davide Gaeta, docente della Facoltà di Economia dell'Università di Verona, Giuseppe Martelli, direttore Assoenologi, Antonio Calò, presidente dell'Accademia italiana della Vite e del vino e Federico Castellucci, direttore generale Oiv (Organisation internationale de la Vigne et du Vin).

"Consentitemi un sentimento di orgoglio per una vittoria già conquistata: quella del vino rosato italiano – ha detto l'assessore Stefàno. Questo ci consegna la prima edizione ottimamente riuscita di un concorso che ha saputo intercettare, evidentemente, un bisogno esistente tra i produttori di tutta Italia, quello di valorizzare una tipologia enoica finora un po' la Cenerentola delle etichette ma che, al contrario, sta vivendo uno straordinario trend di crescita negli apprezzamenti da parte di consumatori e dei mercati. L'ampia partecipazione delle regioni italiane, pressoché tutte, ci ripaga degli sforzi e degli ostacoli incontrati lungo il percorso e irrobustisce le nostre convinzioni: il vino rosato italiano deve essere valorizzato e tutelato, poiché ha le carte in regola per ambire a palcoscenici più prestigiosi. È una peculiarità produttiva che appartiene all'intero Paese e racchiude in sé sapienza, tradizioni e culture contadine sedimentate nel corso dei millenni. È una parte della nostra storia e come tale va custodita e preservata, ma è anche una porzione importante del percorso verso il futuro che vogliamo fare accanto ai nostri produttori".

Il grande interesse dei consumatori e dei mercati mondiali verso questa tipologia enoica è stata la scintilla che ha motivato la felice intuizione dell'assessorato alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia che ha incontrato l' entusiasmo e sostegno di tutti i produttori italiani, senza distinzione. La risposta dei produttori, del resto, non lascia spazio ai dubbi: una partecipazione compatta, con oltre 350 campioni di vino pervenuti e la presenza di 18 regioni su 20. Nella classifica delle regioni più rappresentate spiccano accanto alla Puglia, Abruzzo, Veneto e Lombardia. Ex aequo Emilia Romagna, Toscana e Marche, ed infine Sicilia e Sardegna. Otto commissioni, composte ciascuna da 4 tecnici - enologi nominati dall'Associazione Enologi Enotecnici italiani e da un giornalista nominato dall'Ente organizzatore, la settimana scorsa hanno valutato i campioni pervenuti in base al metodo "Union Internationale des Oenologues". Ogni componente ha espresso in modo autonomo il proprio giudizio ed il punteggio finale è risultato dalla media aritmetica dei singoli giudizi numerici.

A quest'ultimo fondamentale passo del progetto che, considerando il gradimento ottenuto apre scenari ancora più ambiziosi, non poteva mancare la presenza del ministro Mario Catania, che ha colto l'occasione per sottolineare la qualità del vino rosato italiano, un esempio importante dell'eccellenza di tutto il patrimonio enologico del nostro Paese.

"Mi congratulo con i vincitori del Primo concorso enologico nazionale dei vini rosati d'Italia – ha affermato il ministro - perché è grazie al saper fare dei nostri imprenditori, che sanno coniugare tradizione e innovazione, che il patrimonio enologico italiano si è saputo affermare a livello internazionale puntando su elementi vincenti, quali una varietà e un'identità territoriale uniche al mondo, una presenza in tutti i segmenti di mercato con un ottimo rapporto qualità-prezzo e una capacità di esportare diffusa a tutto il sistema. Il vino rosato è un esempio significativo dell'eccellenza del sistema vitivinicolo italiano e l'iniziativa di oggi ci consente di dargli il giusto risalto, affrancandolo da una percezione di una parte del pubblico che non gli assegna il suo giusto valore, non ponendolo allo stesso livello dei grandi vini rossi o bianchi. Ma non è così: il nostro rosato si è conquistato nel mondo uno spicchio di mercato importante proprio perché è un prodotto di qualità superiore e continuerà a esserlo, anche perché a Bruxelles abbiamo difeso la sua regolamentazione, impedendo che si potesse ottenere attraverso il taglio tra vini bianchi e rossi".

Ecco di seguito tutti i vincitori della prima edizione:

VINI ROSATI TRANQUILLI DOP E DOC:
1° Cerasuolo d'Abruzzo Doc 2011 (Caldora Vin, Ortona, Chieti)
2° Cerasuolo d'Abruzzo Doc 2012 (Farnese Vini, Ortona, Chieti)
3° Cerasuolo d'Abruzzo Doc "Colle Cesi" 2011 (Cantina Sangro, Fossacesia, Chieti)
3° parimerito Salice Salentino Rosato Doc "Rosalbore" 2010 (Coop Produttori San Pancrazio, Brindisi).

VINI ROSATI TRANQUILLI IGT-IGP
1° Terre di Chieti IGT Rosato "Mallorio" 2011 (Olearia Vinicola Orsogna, Orsogna, Chieti)
2° Puglia IGT Rosato 2011 (Società Agricola Polvanera, Gioia del Colle, Bari)
3° Histonium IGT Rosato "Vird vird" (Vitivinicola del Casale, Vasto, Chieti)

VINI ROSATI FRIZZANTI DOC-DOP
1° Oltrepo' Pavese Doc Pinot nero rosato frizzante 2011 (Terre d'Oltrepo'. Casteggio, Pavia)
2° Lambrusco di Sorbara Doc Rosato frizzante amabile "Amorosa" (Cantina Sorbara, Modena)
3° Lambrusco di Modena Doc rosato frizzante semisecco "Rosa di primavera" 2011 (Cantina Sorbara, Modena)

VINI ROSATI FRIZZANTI IGT-IGP
1° Pinot Nero Rosato frizzante (Azienda Agricola Testori Quinto e Pietro, Santa Maria della Versa, Pavia)
2° Veneto IGT Rosato Frizzante 2011 (Cantine Maschio di Cantine Riunite, Visnà di Vazzola, Treviso)
3° Marca Trevigiana IGT Raboso Frizzante 2011 (Le Rive di Bonato Andrea e Luigi, Ponte di Piave, Treviso)

VINI ROSATI SPUMANTI DOC
1° Bardolino Doc Chiaretto Spumante Brut (Vigneti Villabea, Calmasino di Bardolino, Verona)
2° Garda Doc Spumante Brut Rosé 2011 (Avanzi Agricola srl, Manerba del Garba, Brescia)
3° Bardolino Doc Chiaretto Spumante Brut "Graffio" 2011 (Cantina Caorsa, Affi, Verona)
3° pari merito Franciacorta DOCG Brut Rosé "La Santissima" 2009 (Castello di Gussago La Santissima, Gussago, Brescia)

VINI ROSATI SPUMANTI VSQ
1° Moscato Malvasia VSAQ Dolce "Lounge" 2011 (Astoria Vini, Crocetta del Montello, Treviso)
2° Vino Spumante di Qualità Brut Rosé Metodo Classico (Cantine Rosa del Golfo, Alezio, Lecce)
3° Incrocio Manzoni 13.0.25 Rosato VSQ Extra Dry 2011 (Bortolin Gregorio, Vini Ca' Salina, Valdobbiadene, Treviso)
3° pari merito Vino Spumante di Qualità Brut Riserva Millesimato "Filanda Rosé" 2010 (Bortoliol Spa, Valdobbiadene, Treviso).


Tag: winetaste, Puglia, regione, malvasia, Gatti Roberto, negroamaro, bombino, concorso rosati, stefano dario, assesore agricoltura


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?