20.10.2014 | Prodotti Tipici Inserisci una news

Quanto costa e come scegliere il Tartufo Bianco Pregiato

Invia un commento

Acquistare il tartufo bianco non è cosa affatto semplice, se non si conoscono alcuni elementi a cui è necessario porre attenzione, si rischia di incappare in spiacevoli e costose fregature.

Ciò che ruota attorno al tartufo è un mondo a sè fatto di tante componenti. Per i meno esperti, avventurarsi nell'acquisto del prezioso tartufo bianco, può essere un vero e proprio tuffo nel vuoto che può costare caro... Purtroppo, come in ogni business, anche in quello dei tartufo, le fregature sono dietro l'angolo, ecco quindi l'importanza di conoscere le basi per poter scegliere e acquistare dei buoni tartufi bianchi.

La componente prezzo nel tartufo è influenzata davvero da tantissimi fattori, quali:

  • Provenienza, i tartufi di Alba e Acqualagna sono i più quotati malgrado esistano tartufi bianchi provenienti da altre zone d'Italia con la medesima qualità.
  • Periodo, il prezzo del tartufo bianco solitamente varia durante la stessa stagione di raccolta, alla fine del periodo di raccolta in concomitanza con il periodo natalizio, il suo prezzo, di solito tende ad aumentare.
  • Andamento climatico durante i mesi antecedenti la raccolta. Ovvio che se vi è stata siccità e, di conseguenza, si troveranno quantità scarse di tartufi, il prezzo sarà più alto.
  • Dimensione, più è grande e pesante, più sale il prezzo al Kg
  • Integrità, un tartufo rotto e scheggiato in più punti è comunque buono da mangiare, ma il suo valore è inferiore ad un tartufo di pari dimensioni assolutamente integro.
  • Freschezza, il tartufo bianco ha vita molto breve una volta colto, ecco perchè deve essere freschissimo.

Conoscendo ora le componenti che influiscono direttamente sul prezzo del tartufo, vediamo adesso quali sono altri elementi che influenzano indirettamente il costo del tartufo bianco, elementi a cui porre attenzione quando si intende acquistare un buon tartufo:

  • Compattezza, un buon tartufo bianco deve essere compatto e non presentare zone "molli", all'interno di esse potrebbe annidarsi un simpatico verme che ne stà divorando il contenuto o potrebbe essere una zona attaccata dalle muffe.
  • Profumo, la principale caratteristica distintiva del tartufo è il profumo, quello del bianco deve essere intenso e netto, un profumo di idrocarburi estremamente piacevole che non deve presentare altre sfumature.
  • Occhio ai buchi, ci sono fori che custodiscono al loro interno larve e insetti.
  • Maturazione, un buon tartufo deve essere giustamente maturo. La maturazione è riscontrabile dalla parte interna che deve essere di colore marroncino con venature biancastre.

Questi gli elementi essenziali a cui dovremmo porre attenzione quando intendiamo acquistare dell'ottimo tartufo bianco pregiato, l'ideale è avere un buon fornitore di fiducia, che sia un trifolaio o commerciante, l'importante è che sia onesto nel proporre tartufo di prima qualità al giusto prezzo.


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?