14.03.2013 | Vino e dintorni Inserisci una news

Urra di Mare, il Sauvignon di Sicilia

Invia un commento

Sono stato a Menfi due anni orsono ed ho visitato alcuni siti produttivi di questa Cantina Sociale, la piu' grande di Sicilia e tra le piu' grandi d' Europa, dotata delle migliori tecnologie e con 6.000 ha di vigneto a disposizione !

Le produzioni dei 2.300 soci viticoltori sono seguite in campo dagli agronomi aziendali e le attente vinificazioni in cantina.

Molto importante l'aspetto organizzativo che prevede sia la Direzione aziendale ad indicare ai soci quali cultivar impiantare e soprattutto DOVE impiantarle, dopo avere analizzato i terreni ed individuato le migliori esposizioni.

CANTINE SETTESOLI

Telefono: 0925 77111

E-mail: [email protected]

Internet : http://www.cantinesettesoli.it

Strada Statale 115,

92013 Menfi (AG)

Queste le zone produttive maggiormente vocate, dalle quali vengono prodotti dei propri e veri " Cru " aziendali :

Urra di Mare

Bonera

Cava di Serpe

Timperosse

Santannella

Siti produttivi che variano dai 150 ai 350 mt slm e danno origine a diversi prodotti, oggi ci occupiamo di questo vino , proveniente da un vigneto molto vocato a Sauvigon Blanc in contrada Urra di Mare.

La storia

La passione che da 50 anni unisce più di 2.300 viticoltori ha reso Settesoli, azienda vitivinicola siciliana, punto di riferimento per l'intero distretto delle "Terre Sicane", capace di gestire i rapporti con una grande comunità di soci e lavorare su 6000 ettari di vigneto come fossero un'unica proprietà.

Grazie alle sue scelte, Settesoli è riuscita a produrre qualità rispettando l'ambiente e sostenendo l'economia del territorio. Commercializzando i propri vini in tutto il mondo è diventata, in Italia, una delle aziende siciliane di riferimento per il mercato del vino di largo consumo.

Settesoli nasce a Menfi, centro collinare della provincia di Agrigento a est di Selinunte, antica città greca di cui sono visibili le rovine, mentre più a sud è situata la Valle dei Templi, altro scenario unico e testimonianza della cultura e architettura greca. Queste terre ospitarono il passaggio di varie dominazioni, dai Sicani ai Fenici, Greci, Romani, Arabi e Normanni, poiché hanno rappresentato un felice approdo. Qui, infatti, il clima e il terreno hanno favorito lo sviluppo dell'agricoltura e la posizione strategica dal punto di vista geografico favoriva gli scambi commerciali.
Il legame del vino con la storia di Menfi è antico e indissolubile: grazie al clima mite ed alla presenza di dolci pendii di colline che degradano verso il mare, il territorio è vocato da sempre alla coltivazione della vite. Stefano di Bisanzio, narrando dell'antica città sicana di Inycon, sottolinea "l'eccellenza dei suoi vini", mentre le numerose anfore di epoca greca e romana, rinvenute sul territorio ed in mare, testimoniano la presenza di una ricca produzione e di un commercio fiorente.

In tutta la zona la vite è coltivata con sistemi di allevamento tradizionale come l'alberello (un sistema di derivazione greca, che ormai esteso solo ad una piccola parte dei vigneti della zona) e la controspalliera. I vigneti si estendono dalle vicinanze del mare fino sull'altopiano a quote superiori i 400 metri, su territori di varia origine geologica e con microclimi particolari. I vitigni tradizionalmente coltivati sono il catarratto lucido e comune, l'inzolia ed il grillo, che sono vitigni bianchi, ed il nerello cappuccio che è un vitigno rosso. 
Negli anni settanta sono stati introdotti altri vitigni come il trebbiano toscano ed il sangiovese. Recentemente sono stati impiantati anche lo Chardonnay, il Cabernet sauvignon, il Merlot, il Sirah ed altre varietà internazionali, che hanno dato ottimi risultati. Nel 1995 il vino Menfi ha ottenuto il riconoscimento della DOC (Denominazione di Origine Controllata).

URRA DI MARE

Ubicata nel comune di Menfi nella parte sud-ovest, è particolarmente vocata, oltre che per la viticoltura, anche per la coltivazione di carciofo spinello e grano. Racchiusa da un tratto di costa che va dalla bellissima spiaggia della Riserva di Solette, al Parco Varvaro fino alla Riserva naturale orientata del fiume Belice, oltre la quale si stagliano i magnifici templi di Selinunte. Confinante con la contrada Belice di Mare che ospita la nota Casa Pignatelli, oggi masseria adibita a ovile.

SCHEDA TECNICA

URRA DI MARE

MANDRAROSSA

SAUVIGNON BLANC 100%

BIANCO IGT SICILIA

SICILIA SUD OCCIDENTALE

MENFI / AG

CALCAREO, ARGILLOSO, MEDIO IMPASTO

85 Q.LI / HA

4000 - 45000 PIANTE / HA

80 - 1 50 MT SLM

PIANEGGIANTE O ESPOSTI A

SUD / SUD-OVEST

CRIOMACERAZIONE DELLE UVE A

5 - 8 °C FERMENTAZIONE IN

SERBATOI DI ACCIAIO A 1 6°C

3 MESI IN SERBATOI DI ACCIAIO

4 MESI IN BOTTIGLIA

GIALLO BRILLANTE, RICCO DI

RIFLESSI VERDI E DI BUONA

CONSISTENZA

NOTE FLOREALI DI FIORI DI PESCO

E FRUTTO DELLA PASSIONE, NOTE

DI ERBE AROMATICHE COME LA MENTA

EQUILIBRATO, APPAGANTE E PERSISTENTE NEL FINALE, SUL

FONDO FRESCO E AROMATICO

13,5 % VOL

10° - 1 2°

PIATTI A BASE DI POLLO O DI PESCE

ALLA GRIGLIA

3 ANNI

75 CL

NOTE DI DEGUSTAZIONE di Roberto Gatti

Vino Urra di Mare 2010 Igt gr.13

Ottenuto da un clone di Sauvignon Blanc, in questo siti assume dei contorni organolettici del tutto particolari, unici ed irripetibili, nulla a che vedere con i sauvignon classici del Collio Goriziano o del FVG ai quali siamo abituati, non ci sono le note di peperone verde, di salvia e di PdG ( pipi' di gatto ), con buona pace per tutti quelli a cui queste note non piacciono :

Colore : giallo paglierino di buona intensità con riflessi dorati ;

Olfatto : al naso è un sauvignon molto originale e particolare, note accentuate di agrumi, ananas, litchi ;

Gusto/olfatto : in bocca il sorso è fresco, sapido, si percepiscono note salmastre/iodate conferite dalla vicinanza al mare, si dispiega molto bene nel centro bocca dove manifesta tutta la sua intensità, integrità e piacevolezza. Ritornano le note intercettate al naso.

Un sauvignon blanc come non eravamo abituati a degustare, per questo unico e particolare, da non perdere.

Un prodotto da classificare Ottimo.

Roberto Gatti

Marzo 2013

P.S. ) Consiglio una lettura delle ricette dell'isola, al link :

http://www.cantinesettesoli.it/?op=ricette

da abbinare alla vasta gamma dei vini Settesoli, con selezioni Mandrarossa ed Inycon.


Tag: winetaste, sicilia, agrigento, roberto gatti, menfi, settesoli, mandrarossa, urra di mare


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?