17.12.2015 | Eventi Inserisci una news

Focus Amarone

Invia un commento

Bella serata quella del 14 Dicembre all’ Ais di Palermo, organizzata insieme al delegato della città dott. Luigi Salvo !

Da parte mia il compito di selezionare i 6 amaroni, un Valpolicella superiore, un Recioto e presentarli ad un folto pubblico di oltre 90 persone, molti gli esclusi che non hanno potuto prendervi parte, per motivi logistici, almeno altri 50 !

Erano presenti sommelier, ristoratori, enotecari e distributori siciliani, pubblico qualificato e molto attento !

Di seguito la presentazione proiettata in sala, prima della degustazione, seguita con molto interesse, ed i due video con :

a ) una intervista al V.Presidente del Consorzio di Tutela Valpolicella enologo Daniele Accordini ;

https://www.youtube.com/watch?v=kqLlnP8VrKU

b ) una presentazione del Valpolicella Superiore in degustazione, da parte del produttore Romano Dal Forno

https://www.youtube.com/watch?time_continue=2&v=unBQ56BQfKI

 

La presentazione

https://docs.google.com/presentation/d/15LuI6S9LbLacqwd56h3ngG7VZyQHga4p8J1pJNY9vT8/edit?usp=sharing

Le aziende vengono citate in ordine di servizio dei vini !

 

AZIENDA MASSIMAGO
( Mezzane di Sotto )

PRIMA ANNATA DI PRODUZIONE 2004

UVAGGIO Corvina, Corvinone, Rondinella

ZONA DI PRODUZIONE, 10 ettari con dislivelli da 150 a 300 metri s.l.m, esposizione esto/vest. Terreno con stratificazioni calcaree-marnose e argillose, il cru le Macie, particella Sant'Anna, hanno contribuito alla produzione di questo vino.

DENSITA' PER HA 5.000 piante

TIPO DI ALLEVAMENTO a spalliera, con potatura a guyot

NUMERO DI BOTTIGLIE 6.200

PROCESSO DI VINIFICAZIONE uve selezionate sottoposte a 80 giorni di appassimento, vinificazione in tini troncoconici per tre settimane, con una macerazione prefermentativa a freddo di cinque giorni. Barrique nuove e di primo passaggio e in botti di rovere da 20 hl (rispettivamente per i due terzi e per un terzo) per la fermentazione malo lattica. L'affinamento si è protratto per 2 anni nei legni e per 12 mesi in bottiglia.

Note di Degustazione Massimago Amarone Docg 2011

Colore rubino chiaro ; naso intenso, elegante di rara potenza e leggiadria : viola e rosa ; in bocca grande salivazione, tannini setosi, molto lungo ! Un vino dalle grandi potenzialità di evoluzione, in equilibrio sensoriale. Ottimo/Eccellente

 

 

TENUTE UGOLINI 
( San Pietro in Cariano )

Tenute Ugolini Amarone Classico Docg 2011

La terra, le vigne, fanno parte della storia della famiglia Ugolini composta da tre fratelli, per anni tutte le attenzioni e le cure sono state per i vigneti di collina, non solo da un punto di vista agronomico – buona parte di essi è stata re-impiantata – ma anche paesaggistico: alle Tenute Ugolini appartengono infatti ben 12 km di muretti a secco, che dopo essere stati rimessi a nuovo vengono costantemente curati e mantenuti, con fatica e sacrificio, anche per preservare quella che è una caratteristica peculiare della Valpolicella, di recente l'acquisizione di Corte Quaranta – un'antica, panoramica corte rurale ai piedi del colle di San Michele

Note di Degustazione Tenute Ugolini Amarone Classico Docg 2011

Rubino di buona intensità ; naso intenso con note fruttate ; in bocca è succoso, piacevole, tannini in assorbimento, equilibrato e lungo. Lasciato nel bicchiere per diversi minuti, ha avuto una ottima evoluzione ! Ottimo / Eccellente

 

 

Tenuta Sant'Antonio
( Lavagno )

Armando, Tiziano, Paolo e Massimo Castagnedi: quattro fratelli e una passione che nasce nelle vigne paterne di San Zeno di Colognola ai Colli, nella Valpolicella .

Nel 1989 la svolta. I quattro acquistano una proprietà nei Monti Garbi, piantano nuove vigne, affiancandole ai vigneti già esistenti e di edificare la nuova cantina nella zona Monti Garbi (che in dialetto significa aspro, duro)

Per coltivare un terreno così particolare non bisogna nascere vignaioli, quanto piuttosto viticoltori, nel senso più puro del termine. Un vignaiolo avrebbe scartato a priori un tale terroir.

Tenuta Sant'Antonio fa parte del Consorzio della Valpolicella, anche dell'Associazione "Famiglie dell'Amarone d'Arte". L'obiettivo è promuovere la vera cultura dell'Amarone

Note Degustazione Tenuta Sant'Antonio Amarone Docg 2011 Campo dei Gigli

Rubino scuro ; naso con sentori di frutta matura ancora in evoluzione ; in bocca il frutto è maturo e concentrato, i tannini sono in evoluzione, succoso e lungo nel finale. Un vino che si esprimerà al meglio tra 5/6 anni. Ottimo/eccellente

 

Villa Crine 

( Pedemonte di Valpolicella )

Villa Crine

Nel lontano 1893, il bisnonno Venturini Giovanni ottenne uno dei primi diplomi per vini e liquori come premiata cantina in Valpolicella storica.

Ora Giovanni Battista crea i suoi vini con l'intenzione di comunicare la genuinità e la semplicità di un tempo usufruendo degli insegnamenti ricevuti dai suoi avi. Egli conduce l'azienda, che oggi ammonta a 8 ettari totamente in Valpolicella storica con l'aiuto della moglie Mara che segue la parte commerciale e con i figli Giuseppe, giovane studente di Enologia e l'ancor giovanissima Diletta.

Note di degustazione Villa Crine Amarone Classico Docg Alzaro della Fontana 2010

Colore granata scuro ; al naso presenta iniziali problemi di sovramaturazione e leggera volatile, che con il passare dei minuti tende ad attenuarsi ; in bocca è molto buono, succoso, concentrato e lungo. Molto buono / ottimo

 

Cantina di Negrar
 

Dal 1933 la storia di Cantina Valpolicella Negrar è la storia di uomini e donne dediti alla creazione di vini di qualità, sincera e viva espressione del territorio dove coltivano oltre 700 ettari di vigneto.

La Cantina Valpolicella Negrar si impegna nella ricerca vitivinicola, attraverso un laboratorio interno e la collaborazione con la Facoltà di Scienze e Tecnologie Viticole ed Enologiche dell'Università di Verona, il CRA di Conegliano Veneto e il Centro Sperimentale per la Vitivinicoltura della Provincia di Verona di San Floriano.

Note di Degustazione Cantina di Negrar Amarone Vigneti di Jago 2008

Granato scuro al colore; naso con nota di incenso, frutta surmatura, sottobosco, cuoio; in bocca è grande, leggera nota di liquirizia, lunghissimo. Vino di razza

Eccellente

 

Azienda Venturini Massimino 

L'Azienda Agricola Venturini ha sede in San Floriano, nel comune di San Pietro in Cariano ed ha iniziato la sua attività nel 1963 mettendo a frutto l'esperienza e l'amore per la terra di almeno tre generazioni, dal nonno Antonio al figlio Massimino ed ora con Daniele che segue con particolare attenzione la vinificazione, Mirco che cura con passione i vigneti e Giuseppina che si occupa della parte commerciale.

L'Azienda Venturini produce e vinifica solo uve proprie: Corvina Veronese, Corvinone, Rondinella, Molinara.

Dalla vinificazione di queste uve i Venturini ottengono i pregiati vini della Valpolicella Classica a Denominzione di Origine Controllata: Amarone, Recioto, Ripasso, Valpolicella Superiore e Valpolicella Classico.

Una attenta selezione delle uve e dei vigneti ha portato la famiglia Venturini a realizzare alcuni "cru" che prendono il nome dal podere nel quale vengono prodotti: Campomasua, Semonte Alto, Le Brugnine e Il Castelliere.

Note di degustazione Venturini Massimino Amarone Doc Classico Riserva 2005

Colore ancora vivo e pimpante, come fosse un vino di 2 o 3 anni , intenso ; al naso è un effluvio di profumi che ci riportano alla vola mammola, è intenso ed elegante : di classe ; in bocca è semplicemente " spettacolare ", grande beva, grande souplesse, tannini bene integrati, vivo, un fuoriclasse assoluto, da " standing ovation " ! Il classico vino " dal pugno di ferro in un guanto di velluto " ! Eccellente ( in sede di concorso si attesterebbe intorno ai 95-96/100 , da Grande medaglia d'Oro )

Terminata la sequenza dei magnifici 6 amaroni è stata la volta di due vini, del produttore unanimemente riconosciuto come il " faro illuminante della Valpolicella ", ovvero Romano Dal Forno ! Per chi volesse approfondire consiglio una lettura al link :

http://www.winetaste.it/un-grande-della-viticoltura-italiana-romano-dal-forno/

dove viene minuziosamente riportata una intervista che Romano Dal Forno ci ha concesso !

La storia

Romano Dal Forno, nasce nel 1957 a Capovilla, a pochi chilometri da Illasi; proprio in questo ambiente, dove il vino più che un prodotto è una filosofia di vita, la famiglia si prende cura dei propri vigneti da ormai quattro generazioni.

"Chi nasce in campagna ha un cordone ombelicale che lo tiene legato per tutta la vita". A 22 anni, insieme alla neo sposa Loretta, Romano conobbe Giuseppe Quintarelli che fu per lui una guida decisamente illuminante: gli aprì gli occhi a un nuovo modo di produrre vino e di impiantare vigneti, facendogli avvertire l'importanza di puntare sulla qualità piuttosto che sulla quantità. Le difficoltà dei primi tempi non furono poche ma, grazie al prezioso contributo dei figli Marco, Luca e Michele, Romano Dal Forno è riuscito, in tempi relativamente brevi, a portare la sua azienda ad un livello di prim'ordine nella compagine mondiale del vino.

"Ci fu un giuramento integerrimo con una filosofia volta al controllo e alla cura dei minimi dettagli". Ci vollero anni e moltissima pazienza per maturare, metabolizzare e sintetizzare quella profonda conoscenza dei processi produttivi, degli impianti e delle tecniche di appassimento che oggi possiamo dire di aver acquisito, e che continuiamo ad affinare. Dalla vendemmia 1983, arrivarono i primi grandi risultati: da allora sono state prodotte ventidue annate di Amarone della Valpolicella e venticinque di Valpolicella DOC. Una maniacale attenzione è sempre stata rivolta al Recioto: il nobile "Padre dell'Amarone". Probabilmente a scapito della finezza delle strategie di marketing e comunicazione fino a oggi adottate – non avendo mai avuto passioni diverse da quelle della nostra famiglia e del nostro lavoro !

Note di degustazione del Valpolicella Superiore 2007

Granato scuro al colore ; al naso manifesta cenni di note terziarie molto interessanti : cuoio, tabacco, cioccolato ; in bocca è ancora tannico, in evoluzione, fa salivare a lungo ! Un grande Valpolicella Superiore, molto simile ad un amarone di grande qualità ! Ottimo/ Eccellente

Vigna Serè 2003 Igp

Il vigna Serè è un recioto della Valpolicella, overo la versione " dolce " dell'amarone, questo in particolare è stato tra i migliori in assoluto, tra quelli degustati !

Rosso rubino scuro, cupo ed impenetrabile ; al naso un effluvio di profumi, che spaziano dai fiori macerati, alle rose, frutta rossa, grande eleganza ; in bocca il sorso è quanto mai invitante, equilibrato, setoso, ogni componente in equilibrio, succoso, dolce ma mai stucchevole, lungo ! Ciò che ha stupito i partecipanti, compreso chi Vi scrive, è stata la perfetta conservabilità, piacevolezza e " gioventu' " di questo nettare dopo ben 12 anni ! Da standing ovation, vino di razza assoluta !

Conclusioni

Non posso e non voglio aggiungere altro a quanto scritto sopra, ci sono certi momenti nella vita di ognuno, sia nella professione che nella vita privata, che non si possono raccontare e tanto meno scrivere ! Posso solo dire che personalmente la serata mi è piaciuta molto, mi ha coinvolto emotivamente e professionalmente, per i vini degustati, per la sensibilità e percezione che il pubblico ha avuto nei miei confronti, molto gratificanti i momenti di stima e ringraziamenti ricevuti, su tutti

" Grazie, lei è riuscito a trasmetterci la passione che mette in questo lavoro ".

La gratificazione piu' grande per chi, anche dopo 30 anni, si sente ancora " un appassionato del vino ", le passioni e le emozioni sono " il sale della vita " !

Grazie a tutti quanti hanno collaborato alla riuscita di questa serata indimenticabile !

Roberto Gatti

www.winetaste.it


Tag: winetaste, amarone, Ais, roberto gatti, palermo, luigi salvo


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?