25.02.2016 | Eventi Inserisci una news

Terre di Toscana, il meglio dell'enologia toscana

Invia un commento

Uno degli eventi enologici più importanti del folto panorama nazionale tornerà per la nona volta il 28 e 29 febbraio all'Una Hotel Versilia sul lungomare di Lido di Camaiore

Terre di Toscana, uno degli eventi enologici più importanti del folto panorama nazionale, imperdibile occasione in cui si potranno assaggiare i migliori vini di una delle regioni simbolo della vitivinicoltura italiana e mondiale, tornerà per la nona volta il 28 e 29 febbraio, sempre all'Una Hotel Versilia sul lungomare di Lido di Camaiore.

 

Anche per quest'anno con il biglietto d'ingresso (25 euro intero, 20 ridotto per i soci delle associazioni AIS, FISAR, ONAV, GoWine, Slow Food, Touring Club e gli iscritti alla nostra newsletter) si potranno degustare oltre 600 etichette di 130 produttori diversi, produttori personalmente presenti. Un elenco complessivo dei vini e vignaioli lo troverete anche nella pagina facebook di Terre di Toscana.

 

Il parterre sarà ancora una volta impressionante per varietà, profondità e qualità. Una proposta che mette in campo pressoché tutte le etichette di punta di ogni cantina, in molti casi autentici portabandiera della "toscanità". Tutti i territori più affermati sono presenti: da nord a sud, da ovest a est, dai confini con la Liguria ai colli meridionali grossetani; dalla costa toscana all'entroterra aretino e fiorentino: un incrocio miracoloso per le direttrici imprescindibili del vino d'autore.

 

Immancabile ed ampia sarà la rappresentanza proveniente dalla triade "classica" della toscanità: Montalcino, Chianti Classico, Montepulciano. Così come ampia ed elettiva sarà quella proveniente dalla costa di Bolgheri e dalla Val di Cornia, dalla Maremma e dal Montecucco grossetano, da San Gimignano e Carmignano, le Colline Lucchesi e quelle Pisane. Ad impreziosire il parterre, autentiche perle provenienti da distretti emergenti e già molto interessanti come Garfagnana, Versilia, Lunigiana, Mugello e Casentino. Last but not least, le migliori espressioni dal Chianti senese e fiorentino, dall'Orcia e da Cortona, con la chicca finale della viticoltura "isolana" dell'Isola del Giglio.

 

Si incroceranno anche quest'anno stili, filosofie ed intendimenti diversi, a tracciare un disegno esauriente di ciò che bolle in pentola, o meglio nei tini, della vitivinicoltura toscana di qualità. Moltissime le produzioni certificate biologiche, molte le "diramazioni" biodinamiche. E saranno proprio loro, i produttori, con le parole ed i gesti, la spina dorsale di una manifestazione divenuta nel tempo un ineludibile appuntamento per ogni appassionato e per ogni operatore che muova ancora dalla curiosità la propria progettualità, il proprio spirito di ricerca e la propria idea di selezione. Per cercare conferme o per tentare altre strade, magari le meno battute, ma non per questo meno attraenti.

 

Per "spezzare" il ritmo gioioso degli assaggi, imperdibile l'appuntamento con i cibi artigianali di qualità, grazie a una selezione di alcuni fra i migliori produttori di salumi e formaggi, di "lieviti d'autore", di profumati oli extravergine d'oliva, di dolci realizzati da veri artisti della pasticceria.

Riflessioni sul vino, ma anche sulla cucina, negli spazi di Golosizia durante i pomeriggi di domenica e lunedì, dove chef di caratura internazionale spiegheranno cosa pensano del cangiante panorama della cucina e della gastronomia nazionale, tenuto vivo dalla sempre feconda tensione fra tradizione ed innovazione.

 

Terre di Toscana 2016 è tutto questo e anche molto di più: dettagli, protagonisti, programma, gastronomia d'autore, show cooking e offerte speciali di ospitalità sul sito dedicato e completamente rinnovato www.terreditoscana.info.

 

Silvana Albanese

Luciano Pavesio


Tag: brunello, montalcino, toscana, chianti, bolgheri, camaiore, Nobile, Terre, Lido, Golosizia, Giglio


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?