14.01.2022 | Cultura e Tradizioni Inserisci una news

Cantina Bolzano: una vendemmia 2021 "eccezionale" grazie a scelte coraggiose

Invia un commento

Fruttati, fini e molto eleganti: così si preannunciano i vini che Cantina Bolzano custodirà per i prossimi mesi nella sua avveniristica struttura del quartiere San Maurizio e che riposano in attesa della maturazione in legno.

L'estrema qualità delle uve, conferite dalle famiglie dei soci della più importante realtà vinicola dell'Alto Adige durante l'ultima vendemmia, è la caratteristica emersa con chiarezza.

Una vendemmia che Stephan Filippi, enologo della cantina e vicepresidente dell'Associazione enologi enotecnici italiani, non esita a definire "eccezionale".

Gli appassionati possono già aspettarsi per il prossimo anno dei vini firmati Cantina Bolzano davvero intriganti.

 

Un clima eccellente

Merito delle condizioni climatiche dei mesi scorsi ma anche di scelte coraggiose in vigna, che hanno pienamente ripagato gli sforzi.

"La vendemmia 2021 è partita con il ciclo vegetativo in ritardo rispetto alla media degli ultimi anni - spiega Filippi - Questo è stato dovuto alle condizioni climatiche fresche del periodo primaverile". Durante l'estate, invece, si sono presentate le condizioni ottimali per un prodotto di qualità.

"Un periodo di maturazione veramente perfetto. È stata un'annata molto favorevole che ci ha consentito di limitare al minimo gli interventi in campagna ottenendo uve sane e acini piccoli e belli". Un dono di Madre Natura. "Il periodo primaverile secco, specialmente dopo la fioritura, ha fatto sì che gli acini rimanessero piccoli, ottenendo vini più strutturati e sapori più concentrati, precisi e decisi".


Anche l'escursione termica, tipica altoatesina, ha inciso positivamente.

"L'alternanza di giorni miti e notti fredde nel periodo della pre-raccolta e della vendemmia è sempre decisiva per l'aspetto fruttato del vino - prosegue Stephan Filippi - Ma con la maturazione che ha proceduto un po' a rilento abbiamo dovuto aspettare qualche giorno in più per la raccolta; infatti abbiamo concluso la vendemmia con circa due settimane di ritardo rispetto al 2020".

 

Motivare i viticoltori soci di Cantina Bolzano ad attendere diventa giorno dopo giorno più difficile. La raccolta è il culmine di un anno di sacrifici in vigna e con il conferimento delle uve si può tirare finalmente un sospiro di sollievo, scongiurando il rischio di acquazzoni o gelate.

"Occorre studiare costantemente la situazione meteo e controllare continuamente l'esatta maturazione delle uve e, se non è ancora giunto il momento perfetto, avere il coraggio di prendere decisioni scomode e attendere ancora per la raccolta".

 

Scelte che nascono dall'esperienza, determinanti per avere la massima qualità: "Una vendemmia anticipata significherebbe un'uva non perfettamente matura da cui risulteranno vini con sentori più verdi, mentre la corretta maturità consente di avere un fruttato che rispecchia esattamente la varietà del vitigno, sia nel floreale dei bianchi sia nelle note di mora e ciliegia dei rossi. Una sovramaturazione, invece, determinerebbe sentori di confettura e un grado alcolico troppo elevato".


Ma le scelte determinanti dell'enologo di Cantina Bolzano non si limitano certo alla raccolta. "Le decisioni fondamentali vanno fatte prima - ammette Filippi - Bisogna conoscere alla perfezione il territorio per allevare varietà e vitigni nelle zone ad essi più vocate. Decisivo, per produrre vini di altissima qualità, è poi un rapporto eccellente tra pianta e grappoli limitando le piante a una resa di un chilo per vite, circa una bottiglia di vino per pianta".


Non sempre, però, il ciclo della natura dà i risultati sperati e nel cubo di Cantina Bolzano non si accettano compromessi.

"A seguito della grandinata che, nel 2019, ha distrutto l'appezzamento di Lagrein di Gries abbiamo deciso di non imbottigliare il nostro Taber, un'etichetta iconica. Un'evenienza rara, per fortuna: era accaduto solo nel 2008. Sarebbe dovuto uscire sul mercato proprio in queste settimane, per Natale, ma non potevamo presentare ai nostri consumatori un vino che non rispettasse una qualità più che eccellente. Un livello, invece, più che garantito dal Taber 2020 che sta maturando in cantina e che uscirà l'anno prossimo".


Si attendono vini incredibili, i primi assaggi creano già aspettative altissime.

"I bianchi saranno molto fruttati, strutturati, con una gradazione alcolica abbastanza consistente e, allo stesso tempo, un'acidità molto presente. Raramente abbiamo parametri analitici così interessanti che consentono ai vini di avere una vita molto lunga: "dimenticare" una bottiglia in cantina anche per 5-6 anni potrebbe rivelare piacevoli sorprese. Questa è una grandissima annata per il Sauvignon ma anche lo Chardonnay, il Pinot Bianco e il Gewürztraminer promettono molto bene. Ma la varietà che davvero sorprende, quest'anno, è la Schiava: il Santa Maddalena ha particolarmente beneficiato dell'alternanza termica tra giorno e notte che ha esaltato gli aromi tipici di quest'uva".

Un'ottima vendemmia anche per il Lagrein:

"Ci aspettiamo vini fruttati - conclude Filippi - E aver ritardato la raccolta ripagherà l'attesa".

 

Silvana Albanese

Luciano Pavesio


Tag: Bolzano, filippi, Taber, Lagreins, San Maurizio


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?