22.02.2007 | Vino e dintorni

Una bella storia da raccontare

Durante la mia partecipazione alla manifestazione Dolcetto&Dolcetto, organizzata ad Alba nel settembre 2006, ho avuto l'opportunità di degustare oltre 150 dolcetti delle varie tipologie e tra questi ne sono emersi almeno 4/5, e dai punteggi potete rendervi conto quali le cantine a porsi in luce. Oggi scopriamo la storia della Cascina Minella e dei suoi ottimi vini...

Nei pomeriggi a disposizione abbiamo incontrato i vari produttori e la mia sorpresa è stata quando ho conosciuto il Sig. Gianluca Marchisio che mi raccontava di avere intrapreso questa attività (del vitivinicoltore) da pochi anni, in quanto prima svolgeva tutt'altra attività, e stanco di fare il ferroviere, insieme alla moglie Livia ha deciso di dare una svolta alla propria vita. Potevo solo fargli i miei complimenti, per avere raggiunto livelli così alti in solo pochi anni, frutto di un grande impegno, di una grande volontà di fare bene e di un lavoro serio e coscienzioso in vigna ed in cantina.
L'azienda porta il nome di:

Azienda Agricola Cascina Minella di Marchisio Gianluca
Borgata Biarella 80, 12063 Dogliani - Cuneo
Tel. 0173742567 Fax. 0173742567 Cel. 3404192308
e-mail: [email protected]
web site: www.cascinaminella.it




L'azienda agricola Cascina Minella nasce nel 2002 con l'acquisto, da parte di Livia e Gianluca Marchisio, di un'antica cascina ed annessi vigneti siti nel comune di Dogliani.
Provenendo dalla città e da altri mestieri, si è trattato di una scelta di vita, che trascende il semplice lavoro.
Ristrutturati i locali cantina ed alcuni vigneti della proprietà, puntano a diventare una piccola ma interessante realtà vitivinicola doglianese, producendo vini di qualità.



Possiedono circa 4 ettari di Dolcetto e poco meno di 1 ettaro di Barbera, vigneti di età variabile dai 60 ai 2 anni.
Dalla vigna più vecchia, vendemmiata e vinificata a parte, si ottiene il Dolcetto di Dogliani Bricco, il più strutturato.
La resa è di circa 50-70 quintali per ettaro di uva, ottenuta con potatura e diradamenti mirati, in funzione dell'annata, a non superare tale produzione.
Si effettua, quando necessario, una concimazione naturale, con letame di bovini, mantenendo l'inerbimento tra un filare e l'altro.
Per combattere le 2 malattie che affliggono la vite (oidio e peronospora) vengono utilizzati prodotti a base di rame e zolfo, nel rispetto dell'ambiente e della natura.



Vendemmia e trasporto delle uve in cassette, fino alla pigiatrice, onde evitare danni all'uva e fermentazioni indesiderate.
Utilizzo di vasche di acciaio di piccole dimensioni per la fermentazione, con sistemi di controllo delle temperature atti a rimanere tra i 25 e 28 gradi C.
Affinamento in vasche di acciaio o di cemento vetrificato per il Dolcetto. Utilizzo del legno (barriques) per il Langhe Rosso Fauda. Si prediligono vinificazioni "tradizionali", senza particolari attrezzature od artifici tecnologici e non si fa uso di sostanze (tannini, aromi, etc) che possano modificare la specificità delle uve.

L'azienda è comunque attrezzata per effettuare tutte le operazioni, dalla pigiatura all'imbottigliamento. Attigua alla cantina vi è la splendida saletta per le degustazioni, ricavata dal restauro di un'antica stalla. I giovani titolari saranno lieti di ospitarVi e di farVi assaggiare i loro vini.

Orario: Da lunedì a Domenica dalle ore 9:00 alle ore 19:00.
E' gradita la prenotazione.



Dolcetto di Dogliani D.O.C 2004 - Bricco

Tipologia Rosso - DOC Piemonte
Gradazione alcolica 14,5% vol. Uve Dolcetto 100%
Vitigno: autoctono piemontese
Vigna del 1948.
Tipo di allevamento: tradizionale a controspalliera e potatura a guyot.
Densità media d'impianto: 4.000 ceppi per ettaro e produzione di circa 50-55 q.li/ha.
Terreni: argillosi-calcarei-silicei.


Vinificazione La pigiatura delle uve, raccolte nella seconda decade di Settembre, avviene tramite una pigiatura soffice. Il mosto, convogliato in tini di acciaio, viene fermentato a temperatura controllata per 7-8 giorni. Si effettua una vinificazione di tipo tradizionale, con rimontaggi giornalieri.

In tale fase, grazie al contatto con le bucce si ha l'estrazione delle sostanze coloranti, aromatiche e dei tannini. Si procede, quindi con la svinatura (divisione del mosto dalle bucce) e con la fermentazione malolattica (trasformazione dell'acido malico in acido lattico). Affinamento Il vino, terminata la fase di fermentazione, subisce un affinamento in vasche di acciaio/cemento per un periodo di 11-13 mesi e messo in commercio dopo 1-2 mesi di bottiglia.

Descrizione Vino dal colore rubino vivo,con leggere note violette. All'olfatto si presenta intenso e penetrante con sentori di frutta matura, di scorza di limone e di fieno. Al palato è asciutto, di buon corpo con nota morbida e liquiriziato nel finale.

Temperatura di servizio 16-20° C.
Abbinamenti Vino consigliato a tutto pasto, in particolare essendo di grande carattere bene si adatta ad accompagnare carni rosse e formaggi stagionati.



Dolcetto di Dogliani Bricco 2004 gr. 14,50

Durante una serata a tema, è stato posto in degustazione ad un Panel di 11 persone, compreso chi vi scrive, ed è stata la punta di diamante di tutta la serata. Un vino che si è fatto molto apprezzare, di grande concentrazione, equilibrio e piacevolezza. Avevo già avuto modo di degustarlo alla manifestazione Dolcetto&Dolcetto dove era svettato tra i primi in assoluto con un punteggio mnemonico ( senza ausilio di scheda AIS ) di 87/88, tra i più alti assegnati in un ventaglio di oltre 150 Dolcetti. Ma veniamo alla parte descrittiva di questo vino:

il vino era di un colore rubino scuro e molto concentrato, tendente al granato, limpido e consistente; all'olfattiva era intenso, abbastanza complesso in quanto la nota predominante era la frutta rossa matura, fine e leggermente speziato; in bocca molto buono nel senso piu' alto, in quanto tutto era in perfetto equilibrio: fresco di acidità, abbastanza tannico e sapido; secco, caldo e morbido; equilibrato, molto intenso e persistente, di qualità fine, con una nota piacevole di liquirizia nel centro bocca.

Questi i risultati ottenuti con scheda a punteggio AIS:
93-80-96-95-95-86-91-96-90-93-87 ed eliminando gli estremi si è ottenuta una media di ben 91,20/100, un punteggio molto alto per un Dolcetto.
Una delle piu' belle espressioni di Dolcetto piemontese oggi in circolazione, molto difficile trovarne di migliori, quasi impossibile, di simili si contano sulle dita di una mano.

Dolcetto di Dogliani D.O.C 2005 - Bricco

Tipologia Rosso - DOC Piemonte
Gradazione alcolica 13,1% vol. Uve Dolcetto 100%
Vitigno: autoctono piemontese
Vigna del 1948.
Tipo di allevamento: tradizionale a controspalliera e potatura a guyot.
Densità media d'impianto: 4.000 ceppi per ettaro e produzione di circa 50-55 q.li/ha.
Terreni: argillosi-calcarei-silicei.

Vinificazione La pigiatura delle uve, raccolte nella seconda decade di Settembre, avviene tramite una pigiatura soffice. Il mosto, convogliato in tini di acciaio, viene fermentato a temperatura controllata per 8-10 giorni. In tale fase, grazie al contatto con le bucce si ha l'estrazione delle sostanze coloranti, aromatiche e dei tannini. Si procede, quindi con la svinatura (divisione del mosto dalle bucce) e con la fermentazione malolattica (trasformazione dell'acido malico in acido lattico).

Affinamento Il vino, terminata la fase di fermentazione, subisce un affinamento in vasche di acciaio per un periodo di 11-13 mesi e messo in commercio dopo 1-2 mesi di bottiglia.
Descrizione Vino dal colore granato intenso con riflessi violacei. All'olfatto si apre ampio nei profumi fruttati con note di rosa e cannella. Al palato è morbido, pieno, con un finale gradevole leggermente asciutto.

Temperatura di servizio 16-20° C.
Abbinamenti Vino consigliato a tutto pasto, in particolare si abbina ad antipasti, salumi, minestre, carni bianche, formaggi freschi o di media stagionatura.

Dolcetto di Dogliani 2005-gr. 13
Di un bellissimo colore rosso rubino, in tonalità scura, tendente al granato; al naso sprigiona buoni profumi varietali, di media intensità; in bocca è giustamente caldo, di buona intensità gustativa, nel centro bocca ed in finale ci lascia una leggera nota amarognola-ammandorlata, per chiudere con una lunga Pai.

Necessita ancora di affinamento in bottiglia, che gli gioverà sicuramente, in quanto i tannini sono ancora leggermente verdi.
Valutazione 83/100

Langhe Rosso D.O.C. 2004

Tipologia Rosso - DOC Piemonte
Gradazione alcolica 13,5% vol.
Uve Barbera 95% - Dolcetto 5%
Tipo di allevamento: tradizionale a controspalliera e potatura a guyot.
Densità media d'impianto: 4.000 ceppi per ettaro e produzione di circa 50-55 q.li/ha.
Terreni argillosi-calcarei-silicei.


Vinificazione La pigiatura delle uve barbera, raccolte nella prima decade di ottobre, avviene tramite una pigiatura soffice. Il mosto, convogliato in tini di acciaio, viene fermentato a temperatura controllata per 8-10 giorni. In tale fase, grazie al contatto con le bucce si ha l'estrazione delle sostanze coloranti, aromatiche e dei tannini. Si procede, quindi con la svinatura (divisione del mosto dalle bucce) e con la fermentazione malolattica (trasformazione dell'acido malico in acido lattico).

Affinamento Terminata la fase di vinificazione, al vino barbera viene aggiunto il 5% di vino Dolcetto di Dogliani per subire un affinamento di 9-10 mesi in vasche di acciaio. Il vino viene messo in commercio dopo un ulteriore affinamento di 2-3 mesi in bottiglia.
Descrizione Vino: dal colore rubino con riflessi granati. All'olfatto si presenta netto, ampio, con note di mora e ciliegia. Al palato è morbido, elegante con un finale prolungato. Temperatura di servizio 16-20° C.

Abbinamenti Vino consigliato a tutto pasto. In particolare si abbina ad antipasti, primi piatti e secondi piatti a base di carne bianca e rossa.

Proprio una bella storia che a sentirla raccontare sembra un sogno, di quelli che noi tutti immaginiamo, pensando che i sogni non esistano, ma Gianluca e Livia ci hanno dimostrato che i sogni a volte si realizzano, pur tra tanti sacrifici e rinunce. Ma cosa c'è di più bello nella vita della serenità dell'animo e della convinzione di avere realizzato il proprio sogno: il più bello di tutti.

Bravi ragazzi, il mio più caloroso augurio di un sereno avvenire davanti a voi, e di tutto il successo che la vostra storia ed i vostri vini si meritano alla grande !!

Roberto Gatti
sommelier degustatore
Codigoro (Ferrara)
Email: [email protected]
Winetaste.it - [email protected]
Tutti gli articoli di questa rubrica su:
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?