Sant'Andrea

Logo azienda
  • Terracina (Latina)
  • Lazio
  • Strada del Renibbio, 1720 - Loc. Borgo Vodice
Foto azienda
  • Dati di produzione e vendita
  • Anno di fondazione: 1964
  • Superficie vitata: 70.00 ha
  • Bottiglie prodotte: 200000
  • Vendita diretta: Si
  • Reperibilità dei prodotti: N/A
  • Export: N/A
  • Contatti e Ospitalità
  • Referente: Andrea Pandolfo
  • Visite in azienda: Si
  • Lingue parlate: N/A
Vini nuovi da vitigni antichi, nel rispetto della tradizione.
Alla metà dell'ottocento in una piccola isola del sud Italia, Pantelleria, Andrea I Pandolfo, bisnonno dell'attuale proprietario Gabriele, iniziò a piantare viti e produrre vini a base di uve Zibibbo.
Nel 1880, Andrea I, vendette i piccoli vigneti dell'isola ed acquist? 60 ettari di terra vergine a nord della Tunisia e precisamente a Khanguet Gare, nel Capo Bon.
Vennero piantate le prime viti, raccolte le prime uve ed, ai primi del '900, Andrea I, affiancato dal figlio Giovanni nella propria cantina di famiglia iniziò a produrre vini di qualità tanto che dal porto di Tunisi partivano navi cariche del suo vino per servire i migliori mercati di Francia.
Nel 1938 Andrea II, figlio di Giovanni, appena sedicenne prese le redini dell'azienda e continuò, con coraggio e fatica, a far crescere la fama e la qualità dei vini. Ma una terribile malattia, la fillossera, arrivò in Tunisia distruggendo tutti i vigneti dell'azienda. Le secche viti vennero tagliate, bruciate ed il carbone ricavato fu venduto ai mercati generali di Tunisi.
Furono anni durissimi. Dalla Francia arrivarono le prime barbatelle innestate resistenti alla malattia ed i terreni rossi e desolati iniziarono a ricolorarsi di verdi foglie di vite e generosi grappoli d'uva.
Il 12 maggio 1964, l'allora presidente della Tunisia, Harbib Bourghiba, con un provvedimento entrato nella storia espropri? tutti i beni e le proprietà degli stranieri in terra Tunisina. Da un giorno all'altro tutto il lavoro e i sacrifici di una vita furono cancellati e la famiglia Pandolfo dovette lasciare il paese e dividersi fra Francia e Italia. Andrea II, allora 42 enne, con la moglie Elena ed i figli decisero di venire in Italia ed acquistare un piccolo podere, il 1720 di via Renibbio vicino a Terracina, per ricominciare a lavorare quell'odiata amata terra e raccogliere, con la vendemmia 1968, le prime uve da vinificare.
I primi clienti, le prime bottiglie con le etichette scritte a mano, le prime botti di castagno e la cantina iniziò ad inserirsi tra le prime realtà vitivinicole pontine. Nel 1976 venne a mancare Andrea II Pandolfo ed i giovani figli, affiancati dalla madre Elena, decisero di continuare quel sogno iniziato 150 anni fa da Andrea I in un piccolo vigneto di Pantelleria.
Nacque cos? l'azienda "Sant'Andrea" che ha nel nome il ricordo del suo fondatore. Attualmente l'azienda è gestita da Gabriele Pandolfo con la moglie Enza, il figlio Andrea III e la cognata Ornella; tutti aiutati dalla vigile e costante presenza della mamma Elena.
px
Vetrina attiva dal 04/06/2011, 3693 pagine viste, 434 click al sito
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?