Fontana Candida

Logo azienda
  • Monte Porzio Catone (Roma)
  • Lazio
  • Via Fontana Candida, 11
  • Dati di produzione e vendita
  • Anno di fondazione: 1958
  • Superficie vitata: 97.00 ha
  • Bottiglie prodotte: 6000000
  • Vendita diretta: No
  • Reperibilità dei prodotti: Internazionale
  • Export: N/A
  • Contatti e Ospitalità
  • Referente: N/A
  • Visite in azienda: N/A
  • Lingue parlate: N/A
La Casa Vinicola Fontana Candida, a seguito di una lunga attività a conduzione familiare, ha assunto forma societaria nel 1958. Ha sede sul poggio di Fontana Candida, in un casale sorto nell’area dove un tempo si innalzava un’imponente villa romana, forse appartenuta al poeta Quinto Orazio Flacco. Presso l’antica villa romana arrivavano molte condutture d’acqua provenienti da Monte Porzio, la denominazione “Candida” può derivare o da una trasformazione del nome “Calida o Canicha”, ossia calda, o dal colore dell’acqua.Il territorio è quello di Monteporzio (Mons Portii), luogo natale di Marco Porcio Catone il Censore (243-149 a.C.) che nel “De Agricoltura” dà testimonianza dell’amore per la sua terra e di come la vite fosse qui coltivata da tempo immemorabile: “Piantate la vigna nel luogo migliore, seguendo così la tradizione dei padri, perché l’uva, giunta a suo tempo, possa maturarsi in vino”.Fontana Candida è situata nel cuore del comprensorio Doc del Frascati, l’antico Agro Tuscolano (il cui nome deriva dalla città preromana di Tusculum), che comprende i comuni di Grottaferrata, Frascati e Monteporzio Catone, nonché parte di quelli di Roma e Montecompatri e che produce il celeberrimo “bianco” amato e decantato da Papi, principi e poeti.Per tradizione, il Frascati veniva venduto sfuso nelle osterie, all’insegna della frasca appesa all’esterno del locale per indicare la mescita del vino.Fu però l’avvento della bottiglia a determinare la diffusione e la valorizzazione del “bianco dei Papi” in Italia e nel mondo. In particolare, a Fontana Candida, è stata una nobildonna di origine piemontese, Giovanna Orta di Torre Uzzone, a disegnare e brevettare, verso la fine degli anni Cinquanta, la speciale bottiglia in vetro chiaro, a corpo basso e largo, che ha finito per diventare l’emblema del Frascati Fontana Candida. Grazie a questa indovinata confezione, e soprattutto alla costante qualità del prodotto, la Casa Vinicola ebbe un impulso decisivo, nel mercato interno e all’estero tanto da pervenire in breve all’acquisizione e all’incorporazione sotto il marchio Fontana Candida, di un’altra prestigiosa cantina, la Vini Valle Vermiglia di Frascati.Fontana Candida è, oggi, proprietà del Gruppo Italiano Vini, e costituisce la più importante realtà produttiva del Frascati.
px
Vetrina attiva dal 03/08/2010, 6650 pagine viste, 398 click al sito
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?