Aia Vecchia

Logo azienda
  • Castagneto Carducci (Livorno)
  • Toscana
  • Via del Casone Ugolino, 7
Foto azienda
  • Dati di produzione e vendita
  • Anno di fondazione: N/A
  • Superficie vitata: N/A
  • Bottiglie prodotte: N/A
  • Vendita diretta: Si
  • Reperibilità dei prodotti: N/A
  • Export: N/A
  • Contatti e Ospitalità
  • Referente: N/A
  • Visite in azienda: Si
  • Lingue parlate: Inglese, Italiano
Presente da generazioni nel settore vitivinicolo la famiglia Pellegrini decide di creare ed intraprendere il progetto Aia Vecchia per poter produrre vini di grande livello qualitativo.
Con l'aiuto e la consulenza enologica del famoso enologo ungherese Tibor Gal ( già: creatore di vini di grande successo) viene acquistato un terreno di particolare interesse nella zona di " Bolgheri "; infatti in Loc. Casavecchia perviene in proprietà: quasi un intera collina con esposizione ottimale e con terreni di forte struttura in grado di dare uve per grandi vini privilegiati anche dal rapporto di microclima – terreno – luce - altitudine.
Per la realizzazione dell'impianto di vigneto viene interpellato l'agronomo Neozelandese Daniel Schuster il quale dopo un attento ed intenso studio ed in accordo con Tibor Gal ed i vertici dell'Azienda, sceglie ed individua con cura per ogni singolo appezzamento varietà:, cloni, e portainnesto diversi. Per questi motivi e per maggiore sicurezza i proprietari curano con scrupolosità: l'acquisto delle barbatelle recandosi essi stessi a Bordeaux a controllarne la qualità: e l'allevamento.
Nel 1998 la presentazione del primo vino " LAGONE " un vino strutturato, chiara espressione del territorio da cui proviene, ma al tempo stesso elegante e molto molto gradevole che si impone subito all'attenzione degli amanti del settore tanto che riesce a raccogliere importanti recensioni da parte della stampa specializzata un esempio su tutti " Wine Spectator".
px
Vetrina attiva dal 15/09/2014, 3179 pagine viste, 194 click al sito
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?