S. Osvaldo

Logo azienda
  • Annone Veneto (Venezia)
  • Veneto
  • Via Zovatto, 81
Foto azienda
  • Dati di produzione e vendita
  • Anno di fondazione: N/A
  • Superficie vitata: N/A
  • Bottiglie prodotte: N/A
  • Vendita diretta: Si
  • Reperibilità dei prodotti: N/A
  • Export: N/A
  • Contatti e Ospitalità
  • Referente: Armando Serena
  • Visite in azienda: Si
  • Lingue parlate: Inglese, Italiano
La cantina S. Osvaldo sorge a Loncon di Annone Veneto, nel veneziano, al confine con la Marca Trevigiana e il Friuli Venezia Giulia, in una delle zone più vocate del Veneto per la coltivazione della vite: in questo territorio si producono i vini Doc Lison-Pramaggiore, conosciuti e d apprezzati in tutto il mondo.
S. Osvaldo fu fondata negli anni Trenta dal barone ungherese Lajos Babos. Di anno in anno l’azienda è cresciuta in qualità, facendosi apprezzare per il grande carattere dei suoi vini: prova ne sono i prestigiosi premi che la cantina ha collezionato nel tempo.
Nel 2004 S. Osvaldo è stata acquistata da Armando Serena - discendente di una dinastia presente nel mondo del vino da fine Ottocento - proprietario anche della cantina trevigiana Montelvini e di quella marchigiana Valdinevola. S. Osvaldo è dunque entrata a fare parte di una delle principali realtà vinicole italiane. Pur mantenendo la completa autonomia strategica, questa alleanza permette alla cantina di ampliare ulteriormente i suoi orizzonti, sviluppando l’espansione commerciale.
Oggi la cantina produce circa due milioni di bottiglie l’anno ed è presente nei migliori locali italiani (grazie ad una rete di agenti che copre tutto il territorio nazionale). L’export rappresenta il 30% del volume d’affari: Paesi Anglosassoni, Usa e Far East sono i principali mercati stranieri.
S. Osvaldo punta sui vitigni tipici della zona Don Lison Pramaggiore: Pinot Grigio, Chardonnay, Lison Classico, Cabernet, Merlot. Inoltre S. Osvaldo ha riscoperto, più di trent’anni fa, il Refosco dal Peduncolo Rosso che ormai stava scomparendo: è stata dunque la prima cantina in Veneto ad aver cominciato la coltivazione in grande stile di questa pianta, rendendo il vino che se ne ricava famoso in Italia e nel mondo.
px
Vetrina attiva dal 31/08/2010, 5461 pagine viste, 234 click al sito
Etichette
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?