Pinna Giovanna Eredi

Logo azienda
  • Gonnosfanadiga (Medio Campidano)
  • Sardegna
  • Via Porru Bonelli
Foto profilo Sin dai tempi passati i nostri antenati e i loro figli furono saggi allevatori di bestiame, soprattutto della razza autoctona SARDA composta principalmente da suini selvaggi e forti, allevati liberi nei boschi delle nostre montagne. Gli animali venivano infatti portati al pascolo e lì si nutrivano di ghiande, fichi d'india, radici e bacche mediterranee. Le carni erano molto gustose e si presentavano di color rosso scuro. Il maiale veniva macellato in casa durante i mesi invernali, generalmente tra dicembre e febbraio, quando le carni sono più robuste e asciutte al top della qualità. Solo in questo modo infatti si otteneva un risultato finale eccellente. Ogni parte del suino era ottima da mangiare. Venivano lavorate con grande cura poiché ciascuna di esse era pregiata. Per esempio dalla testa e dalla cotenna si ricavava un prodotto cotto, la testa in cassetta, condito con pinoli e noci sgusciate. Il sangue del maiale veniva utilizzato invece per la preparazione di sanguinacci conditi con sale, pepe e noce moscata e nella variante dolce con cioccolato, cacao, zucchero e miele. Le pessime condizioni di vita del passato, la povertà, il forte isolamento, determinavano l'utilizzo di ingredienti estremamente semplici, con una tipicità legata al territorio isolano. Ancora oggi manteniamo le vecchie ricette creando ed ottenendo prodotti genuini e semplici che ricordano il passato. L’impegno e la diligenza nel lavoro, la sapienza e la costanza, ci insegnano ad essere fieri e perseveranti.
px
Vetrina attiva dal 02/03/2015, 1545 pagine viste, 38 click al sito
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?