Cantina Sant'evasio

Logo azienda
  • Nizza Monferrato (Asti)
  • Piemonte
  • Via San Nicolao, 88
Foto azienda
  • Dati di produzione e vendita
  • Anno di fondazione: N/A
  • Superficie vitata: N/A
  • Bottiglie prodotte: N/A
  • Vendita diretta: Si
  • Reperibilità dei prodotti: N/A
  • Export: N/A
  • Contatti e Ospitalità
  • Referente: Pier Franco Lacqua
  • Visite in azienda: Si
  • Lingue parlate: Inglese, Italiano
La cascina di Sant'Evasio prende il suo nome da una cappella che fu costruita nel XVIII secolo in vocazione al vescovo di Casale “Sant'Evasio”.ìI poderi della cascina si estendevano per ettari ed ettari sulla collina di San Nicolao. La cappella fu abbattuta durante la seconda guerra mondiale, ma rimasero i suoi terreni, le vigne e la cultura vinicola che l'aveva accompagnata fino a quel momento.
Quasi per gioco ma già con un'immensa passione Carlo Lacqua negli anni '60 acquisisce la cascina e i suoi terreni con l'idea di proseguire sulla strada già tracciata da quelli che l'avevano preceduto ed incrementare quello che era stato creato fino ad allora. All'inizio la sua produzione era riservata agli amici più stretti; di bicchiere in bicchiere arrivò a farsi conoscere da molti, che lo stimavano per i suoi prodotti e il suo lavoro.
Con la collaborazione del figlio Pier Franco che nel 1984 passa alla guida dell'azienda, inizia la modernizzazione e la crescita della Cantina.“Qualità” è la filosofia di lavoro di Pier Franco, per tutti Piero, che accompagna nel lungo e tortuoso percorso verso prodotti “di una volta” creati con procedimenti e tecnologie moderne.
La tradizione e la modernità, un binomio Sant'Evasio. L'indiscussa protagonista della produzione era ed è la“Barbera d'Asti” in tutte le sue sfaccettature, i cui vigneti ancora oggi circondano l'azienda. Dieci ettari di vigne dislocati intorno alla cantina, su una delle colline più vocate e ridenti di Nizza Monferrato.
E' nel 1988 che Piero introduce la sua prima vera creazione, Rosignolo: una selezione di uve barbera vinificate ed invecchiate in barriques, che fa di lui un pioniere in questo settore. Dice di lui un famoso giornalista: “…un vignaiolo schivo, di quelli che fanno poco per farsi conoscere…”.
La selezione dei vini si amplia, e nuove tecnologie si affiancano alla tradizione lasciata in eredità da anni di duro lavoro di Carlo. Si percepisce l'unione dell'uomo con la terra, una realtà produttiva, etica e culturale protesa al futuro ma forte dell'imprescindibile passato.
Piero, con l'aiuto della moglie Anna, porta avanti il sogno del padre: creare qualcosa che possa lasciare un segno nell'anima delle persone.Un sogno che oggi è condiviso da tutta la sua famiglia: nel 1996 il figlio Andrea, enologo, decide di entrare a far parte anche lui della realtà produttiva familiare; dal 2001 anche la figlia Emanuela è un punto di riferimento dell'azienda.
px
Vetrina attiva dal 31/08/2010, 5480 pagine viste, 296 click al sito
Etichette
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?