13.04.2013 | Eventi Inserisci una news

Vinitaly 2013, Impressioni e Degustazioni

Invia un commento

Considerazioni a caldo Erano anni che non si assisteva ad un vinitaly del genere, direi migliorato in ogni aspetto, a parte la viabilità che presenta limiti storici, come da sempre !

 

I telefoni squillavano anch all'interno degli stand, la connessione Wi-Fi era disponibile quasi ovunque, poi l'aspetto a mio avviso piu' importante la grande affluenza di pubblico giovane e meno giovane.

Si respirava aria di grande euforia e di fermento, i produttori hanno avuto molti contatti con buyer italiani e stranieri, specialmente quelli che li avevano pianificati e programmati per tempo !

Mi auguro che tutto questo possa portare buoni affari per i nostri viticoltori e la nostra industria vinicola, perchè i tempi in Italia non sono dei migliori, ma quanto ho visto in tre giorni di fiera mi fa bene sperare.

Le degustazioni al padiglione Puglia

Non è da oggi che scrivo di Puglia e dei suoi vini, sono passati molti anni quando scrivevo qui :https://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Primitivo__grande_vitigno_3143.html

https://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Negramaro__grande_vitigno__3058.html

https://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Manduria__terra_di_rossi_superlativi___2863.html

Oggi devo dire, con profonda convinzione, ed anche una certa soddisfazione personale, che allora avevo visto giusto ed i risultati odierni sono sotto gli occhi di tutti.

Gli assaggi che ho effettuato al Vinitaly Pad. 10 Puglia vengono riportati di seguito, segnalando che le aziende, almeno per chi Vi scrive, sono nuove in quanto mai incontrate prima !

Ad oggi i vini pugliesi, specialmente nelle tipologie rosse e rosate, possono essere collocati tra i migliori in assoluto d' Italia, ma anche a livello internazionale sono in grado di competere senza complessi di inferiorità nei confronti di nessuno !

Buone degustazioni

Roberto Gatti

A ) Cantine Baldassarre

Via Calatafimi, 51

72025 Sandonaci (BR)

ufficio: 39(0)831094003 Fax: 39(0)831634212

mobile: 393292142653

Internet : http://www.cantinebaldassarre.it

Non sono parenti del Dott. Giuseppe Baldassarre, grande appassionato e conoscitore del Primitivo di Manduria e di Gioia del Colle, ma il cognome ha suscitato il mio interesse fin da subito. Azienda condotta da due fratelli giovani, modesti, preparati, veri artigiani del vino. Ho avuto la possibilità di degustare due prodotti aziendali :

1 ) Calura 2010 Negroamaro 100%

Scheda tecnica

Zona di produzione:

Penisola Salentina nelle provincie di Brindisi e Lecce.

Tipo di uva:

Negroamaro.

Tipo di impianto:

Alberello pugliese con 4.000 piante/ha con una carica di circa 80.000 gemme.

Età dei vigneti:

25 - 30 anni.

Produzione per ettaro:

90 quintali.

Metodo di raccolta:

a mano in cassette.

Periodo di raccolta:

20 Settembre - 10 Ottobre.

Tecnologia di vinificazione:

classica macerazione in rosso di uve Negroamaro accuratamente selezionate, con controllo di temperatura in fase di fermentazione per permettere al meglio l'estrazione delle sostanze coloranti e gli aromi tipici delle stesse uve.

Caratteristiche organolettiche:

Colore rosso rubino intenso, con riflessi tendenti al viola. Odore caratteristico, intenso, etereo. Sapore caldo, morbido, asciutto, elegante.

Abbinamento gastronomico:

è un vino da arrosti, selvaggina, cacciagione, formaggi.

Servizio:

va servito a 18 - 20° C.

Confezionamento ed imballaggio:

bottiglia Isonzo di colore verde in casse da 6 bottiglie.

Grado alcolico:

13%.

Il vino viene fatto " transitare " brevemente in barrique usate di 2/3° passaggio per pochi mesi :

Colore : rosso purpureo di bell'impatto visivo ;

Olfatto : naso intenso con note di macchia mediterranea, di estrema pulizia ed integrità;

Gusto/Olfatto : in bocca ha tannini " dolci " bene integrati ( ma il vino NON è dolce ), succoso e godibile, un vino " dal pugno di ferro in guanto di velluto ". Lunga la persistenza finale.

Viene ottenuto con la tecnica del " delestage " ( per chi volesse approfondire la tecnica consiglio una lettura al link :http://www.ganimede.com/writable/downloads/attachments/delestage_con_ganimede.pdf )

ne vengono effettuati 2 ogni 4 ore per circa 3 gg.,

un vino che viene venduto in enoteca ad 8 euro, da classificare Eccellente 90-91/100

tra i migliori negroamaro degustati : chapeau !

2 ) M'Inebrio 2011 gr. 14

Ottenuto da uve di Primitivo al 100%, vinificato solo in acciaio :

Colore : rosso porpora in tonalità viva e brillante ;

Olfatto : naso intenso, buon frutto ;

Gusto/olfatto : in bocca è godibile, tannini eleganti di grana fine, acidità contenuta che rimane sempre in sottofondo, fa salivare, lunga la Pai finale. Da classificare Ottimo 88/100

 

B ) Azienda Ionis

via Alcide de Gasperi 84/A

Martina Franca TA

74015 Italia

Tel. 080-4857810

Fax.080-4857805

Internet : http://www.ionisvini.com

Una azienda che imbottiglia solo dal 2008, condotta da un giovane enologo/proprietario, preparato e molto loquace. In Italia non è conosciuta perchè il 98% della produzione che si aggira intorno alle 300.000 bottiglie annue viene esportato.

1 ) Negroamaro Rosè 2012

Scheda tecnica

Vitigni: Negroamaro

Alcool: 12,50% Vol

Zona di produzione: Salento

Sistema di coltivazione: Spalliera

Resa per ettaro: 100 – 120 quintali per ettaro

Sistema di raccolta: Manuale

Vinificazione

L'uva viene diraspata, pigiata e convogliata nei vinificatori. Dopo un contatto di poche ore con le bucce e qualche rimontaggio, il mosto che si è colorato di rosa intenso segue una vinificazione in bianco senza vinacce e ad una temperatura controllata di 12°C.

Affinamento

Finita la fermentazione alcolica, il vino nuovo viene ripulito dalle fecce con due, tre travasi ed infine stoccato in silos di acciaio inox fino al momento della preparazione per l'imbottigliamento.

Caratteristiche organolettiche

Vino dal colore rosa brillante e dai profumi floreali e fruttati. Al palato risulta essere di buona persistenza, fresco ed equilibrato.

Abbinamenti gastronomici

Si accosta piacevolmente a carni bianche, pollame e formaggi delicati.

Temperatura di servizio: 10° - 12° C

Note degustazione

Colore : cerasuolo

Olfatto : naso di media intensità, pulito, gradevole, elegante ;

Gusto/Olfatto : in bocca è piacevole, ha una bella acidità di fondo ( 6,70 ) , sapido risente della vicinanza del mare a soli 5/10 km., fa salivare, lungo nel finale. Da classificare Molto Buono 87/100 ;

2 ) Ater Primitivo di Manduria 2007

Scheda Tecnica

Vitigni: Primitivo in purezza

Alcool: 14,50% vol.

Zona di produzione: Manduria, Sava, Carosino

Terreno: Roccioso – calcareo molto fertile

Microclima

Influenzato notevolmente dal mar ionio, che essendo molto profondo, trasferisce una grande quantità di calore durante l'inverno e rinfresca notevolmente le giornate estive. E' la zone più calda del salento ma anche la meno piovosa. Queste condizioni climatiche, consentono di ottenere uve con elevata concentrazione zuccherina, quindi i vini con le più alte gradazioni alcoliche del salento.

Sistema di coltivazione: Alberello Pugliese

Resa per ettaro: 60-70 quintali per ettaro

Sistema di raccolta: Manuale, In questo territorio si raggiungono facilmente i 40°C gia' nelle prime ore del mattino ed è per questo motivo che la scelta enologica ha stabilito la vendemmia notturna.

Vinificazione

L'uva viene diraspata, delicatamente pigiata, condizionata e convogliata nei fermentini. Questi serbatoi di acciaio inox, sono dotati di tasca di refrigerazione che consente di monitorare la temperatura del mosto. La fermentazione a temperatura controllata, analisi periodiche ed una massima pulizia permettono di ottenere un prodotto di elevata qualità senza rischi di alterazioni che si ripercuoterebbero negativamente sulle caratteristiche organolettiche del prodotto nel tempo.

Affinamento

Dopo la fermentazione malo lattica, il "vino nuovo", segue un' affinamento in barriques Americane ed in rovere Francese per un tempo non stabilito, in quanto, le moderne tecniche enologiche si affidano alle analisi chimiche, fisiche e sensoriali del prodotto, per stabilire la durata dell'affinamento in botte che ha come scopo,quello di rendere armonici gli aromi della frutta matura completandoli e non coprendoli, con la vaniglia e le note speziate del legno leggermente tostato.

Caratteristiche organolettiche

Vino dal colore rosso rubino intenso. Profumo complesso e ben pronunciato. Il bouquet si apre con dolci sentori di vaniglia, avvolte dagli odori caratteristici della confettura di frutta, prugna e marasca. In bocca risulta essere un vino molto strutturato, potente ma molto equilibrato nonostante la sua elevata gradazione alcolica. Di ottima persistenza.

Abbinamenti gastronomici

Particolarmente adatto a rinforzare paste al ragù, piatti forti a base di carni arrosto, selvaggina.

formaggi stagionati e piatti dai sapori forti. Abbinato al classico tagliere di salumi e formaggi, ATER '06 è di ottima compagnia.

Temperatura di servizio: 18 – 20° C

Note di degustazione

Consiglio la decantazione, o quantomeno la stappatura della bottiglia, almeno 1 ora prima dell'assaggio, questo vino ha un residuo fisso da capogiro intorno a ben 48 gr./lt, basti pensare che gli amaroni della Valpolicella ottenuti da uve appassite arrivano a 40/42 gr./lt. :

Colore : bel colore tra il porpora ed il rubino ;

Olfatto : al naso note piacevoli di cacao, more selvatiche ;

Gusto/Olfatto : in bocca è succoso, morbido, tannini setosi, acidità in sottofondo :

" un vino dal pugno di ferro in guanto di velluto ", da classificare Eccellente 90/100 ;

 

C ) Cantina Sociale Cellinese

Via S. Pietro 204 -

72020 Cellino S. Marco -

Tel 0831/619100 - Fax 0831/616825
[email protected]

 

1 ) Rosato Gaudioso 2012 gr. 13

Scheda Tecnica

Zona di produzione:

E' ottenuto da uve Negroamaro e Malvasia nera prodotte nelle zone a più spiccata vocazione viticola della Puglia, con particolare predilezione per il territorio Salentino (quelle in provincia di Brindisi e Lecce).

Varietà uva :

Negroamaro (85%), Malvasia nera di Brindisi (15%)

Tipo di allevamento dei vigneti e densità media:

Alberello pugliese e controspalliera con circa 4.150 piante/ha ed una carica di gemme di 83.000.

Età media dei vigneti:

60/70 anni

Produzione per ettaro:

70/80 q.li di uva

Epoca di vendemmia:

15-30 settembre

Metodo di raccolta:

A mano con trasporto immediato in cantina.

Tecnologie:

Le uve di Negroamaro vengono pigiate in maniera soffice e lasciate a contatto con il mosto per un tempo brevissimo, sufficiente per ottenere la giusta tonalità rosa del prodotto finito. Il mosto ripulito dalle impurità viene fatto fermentare a temperatura controllata con l'ausilio di lieviti selezionati.

Confezionamento ed imballaggio:

Bottiglia bordolese di colore 1/2 bianco; casse da 6-12 bottiglie da 75 cl.

Grado alcolico:

12,50%

In fase di restiling l'etichetta, questo rosato mi ha stupito per l'alta qualità riscontrata ed il basso prezzo di vendita, bisogna proprio scrivere a grandi lettere che la regione Puglia, insieme all'Abruzzo, è la migliore regione italiana per la produzione di questa tipologia di vini !

Note di degustazione

Colore : bel cerasuolo brillante ;

Olfatto : naso intenso e floreale di bella espressività e pulizia, note di piccoli frutti rossi di bosco, fragoline e lamponi ;

Gusto/olfatto : in bocca è godibile, fa salivare a lungo, da classificare molto buono 87-88/100 ;

 

D ) AZIENDA AGRICOLA MELILLO

Contrada Tagliavanti, 10

72029 Villa Castelli (BR)

Tel.: 0831.860605
Mob.: 39 335.7563737

Fax.: -0831.860605

e-mail: [email protected]

Sito web: www.melillo.biz


L'azienda appartiene al circuito delle Masserie Didattiche, che oggi in Puglia sono ben 98 :http://www.masseriedidattiche.provincia.brindisi.it/schedaAzienda.php?cod=15

Molti anni addietro avevo avuto occasione di recensire un vino di questa bella realtà del brindisino, al link : http://www.winetaste.it/ita/anteprima.php?id=5775 ed oggi ho potuto registare un aumento progressivo e costante della qualità dei prodotti :

1 ) Principe d' Angiò 2006 gr. 15,5

Scheda tecnica

SCHEDA TECNICA

ROSSO IGT SALENTO "PRINCIPE D'ANGIO' "

--------------------------------------------------------------------------------

Uve: Primitivo

Vendemmia: Raccolta a mano con trasporto rapido in cantina

Zona di Produzione: Collina di Brindisi

Allevamento Viti: Alberello tradizionale

Resa uva per ettaro: 60/70 quintali

Età media vigneti: 50 anni

Periodo di vendemmia: Seconda decade di settembre

Affinamento: In acciaio inox, 10-15 mesi in barriques di rovere e 3-4 mesi in bottiglia

Vinificazione: Vinificazione in rosso e macerazione delle uve alla temperatura di 28-30°C per 12-15 giorni

Alcool: 15,5% Vol.

--------------------------------------------------------------------------------

Caratteristiche Organolettiche

Colore: Rosso intenso con riflessi leggermente aranciati

Profumo: Intenso, fruttato, di frutta rossa molto matura (prugne, fichi secchi, datteri, confetture), speziato con sentori di vaniglia

Gusto: Secco, caldo, corposo, equilibrato e persistente

Abbinamento Gastronomico: formaggi caprini e pecorini (stagionati), brasati, selvaggina. Vino da meditazione

Temperatura di servizio: 18-20°C

Note di degustazione

Questo vino non viene prodotto tutti gli anni, ma solamente quando le uve sono al top :

Colore : rosso granato ;

Olfatto : naso intenso, di bella pulizia con note di amarena sotto spirito ;

Gusto/ Olfatto : entra con tannini morbidi, fini ed eleganti, come solo gli alberelli antichi possono conferire, è succoso, intenso, piacevole. Da classificare Eccellente 91/100 ;

2 ) Passito Bianco " Doride " 2009 gr. 14 6 da svolgere

Le uve vengono lasciato appassire per almeno 80 gg in fruttaio

Ottenuto da uve di garganega :

Colore : giallo dorato, brillante ;

Olfatto : naso intenso, albicocca essicata, fichi secchi

Gusto/olfatto : in bocca è denso, dolce mai stucchevole, concentrato e godibile, bella acidità, caldo ed in equilibrio, un sorso invita al successivo, lunga la Pai finale.

Da classificare Eccellente 90/100

Una bella ed interessante carrellata che mi ha riconfermato, ancora una volta ove ce ne fosse stato bisogno, come la regione Puglia sia oggi arrivata ai vertici dell'enologia nazionale ed internazionale con i suoi magnifici vini a bacca rossa, ottenuti da vitigni autoctoni quali Primitivo, Negroamaro, Nero di Troia ecc., vitigni unici ed irripetibili in ogni altro angolo del pianeta, cosi' come unici ed irripetibili sono la nostra storia, le nostre tradizioni, i nostri monumenti e la nostra enogastronomia !

Roberto Gatti

12 Aprile 2013


Tag: Puglia, primitivo, rosato, negroamaro, baldassarre, ionis, cantina sociale cellinese, melillo


px
px
px
px
px
px
px
digital agencyneikos
Entra in MyVinit Chiudi
Email
Password
Mantieni aperta la connessione.
Non sei ancora registrato?